Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la preghierina del 7 settembre 2023

Dalla barca

commento al Vangelo di oggi di Lc 5,1-11

Sulla spiaggia davanti al mare aperto c’è chi incontra un limite e si ferma, e chi invece scorge una possibilità e si imbarca.

Roberto Casati
preghierina del 7 settembre 2023
Preghierina del 7 settembre 2023 9

Entro nel testo (Lc 5,1-11)

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda.

I pescatori erano scesi e lavavano le reti.

Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra.

Sedette e insegnava alle folle dalla barca.

Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti».

Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano.

Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli.

Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.

Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore».

Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini».

E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Mi lascio ispirare

Insegnava alle folle dalla barca.

Gesù sceglie altre volte di predicare alle folle dal centro del lago, stando su una barca.

In questa occasione deve anche chiedere aiuto affinché questo sia possibile.

Perché preferisce questa prospettiva? Si potrebbe pensare a un’esigenza pratica, alla spiaggia come un anfiteatro dove il centro è nell’acqua e la barca è l’unica soluzione per raggiungerlo.

O magari a qualcosa di personale, quasi al limite del gioco, un Gesù che sogna la barca, che ne ha il desiderio, e che nella predicazione dalla barca trova un modo per viverlo.

Quando ebbe finito di parlare.

Gesù dopo il suo lavoro di predicatore passa a quello degli altri, si fa pescatore con i pescatori, dà istruzioni, li incoraggia a gettare ancora una volta le reti.

Come avranno preso questa iniziativa Pietro e quelli che erano con lui, dopo la notte di fatica e delusione, magari con la sola necessità di andare a riposare? Possiamo immaginare che tra questa stanchezza e ciò che segue – gettare di nuovo le reti – si collocano proprio le parole di Gesù che toccano il cuore anche di questi uomini che si sentono incoraggiati a ripartire dal loro fallimento.

E la pesca è abbondante!

Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù.

Di fronte al dono, Pietro apre il suo cuore con Gesù e lo fa a partire dal peccato.

Il peccato è molte volte una delle cose più intime che custodiamo – un’intimità che può trasfigurarlo. Sentire il bisogno e la fiducia di condividerlo può essere solo una risposta a un grande regalo, una risposta a colui che ti ha raggiunto dentro.

Per lasciare tutto, per seguire serve aver sperimentato intimità.

Giuseppe Amalfa SJ

Rifletto sulle domande

Come Gesù, quando hai fatto esperienza dell’andare in barca? Cosa hai provato?

Da quale delusione o fallimento vorresti ripartire?

A chi consegni o consegneresti la tua intimità?

fonte © GET UP AND WALK


Preghiere per il mese di settembre

7 settembre – Preghiera per l’Esaltazione della Santa Croce

PREGHIERA DI SANT’ANDREA APOSTOLO
(“Passione di Andrea”, ricordata da Papa Benedetto XVI nella catechesi su S. Andrea Apostolo e che può usarsi come Novena, Triduo o in perpetuo)

Salve, o Croce, inaugurata per mezzo del corpo di Cristo e divenuta adorna delle sue membra, come fossero perle preziose.
Prima che il Signore salisse su di te, tu incutevi un timore terreno.
Ora invece, dotata di un amore celeste, sei ricevuta come un dono.
I credenti sanno, a tuo riguardo, quanta gioia tu possiedi, quanti regali tu tieni
preparati.

Sicuro dunque e pieno di gioia io vengo a te, perché anche tu mi riceva
esultante come discepolo di Colui che fu sospeso a te.


O Croce beata, che ricevesti la maestà e la bellezza delle membra del Signore!
Prendimi e portami lontano dagli uomini e rendimi al mio Maestro, affinché per mezzo
tuo mi riceva chi per te mi ha redento.
Salve, o Croce; sì, salve davvero!

1Pater, Ave e Gloria….

Preghiamo insieme

preghiera di abbandono
Preghierina
Preghierina del 7 settembre 2023
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 7 settembre 2023 7
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

credere in Dio
14 Aprile 2024
Preghierina del 14 aprile 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
14 Aprile 2024
Tanto gentile e tanto onesta pare
Gesù e discepoli
14 Aprile 2024
La Parola del 14 aprile 2024
Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13 Aprile 2024
Preghierina del 13 aprile 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13 Aprile 2024
Dammi la mano ragazzo mio

Eventi in programma

×