Leggi e ascolta la nostra preghierina del 11 luglio 2022

Questa sera dedichiamo interamente la nostra preghiera a San Benedetto

Leggi la storia completa di San Benedetto da Norcia

La preghiera della croce di S.Benedetto

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Croce del Santo Padre Benedetto.
Croce santa, sii mia luce e non sia mai il demonio mio capo.
Allontanati, satana; non mi persuaderai mai di cose vane; sono mali le bevande che mi versi, bevi tu stesso il tuo veleno.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Nomisma Sancti Benedicti – Crux Sancti Benedicti (in latino)

Croce Signum Crucis
Crux Sancti Patris Benedicti.
Non Draco Sit Mihi Dux;
Crux Sacra Sit Mihi Lux.
Vade Retro, Satana!
Numquam Suade Mihi Vana;
Sunt Mala Quae Libas.
Ipse Venena Bibas.

Preghiera a San Benedetto

O Santo Padre Benedetto, aiuto di coloro che a te ricorrono: accoglimi sotto la tua protezione; difendimi da tutto ciò che insidia la mia vita; ottienimi la grazia del pentimento del cuore e della vera conversione per riparare le colpe commesse, lodare e glorificare Dio tutti i giorni della mia vita.

Uomo secondo il cuore di Dio ricordati di me presso l’Altissimo perché, perdonati i miei peccati, mi renda stabile nel bene, non permetta che mi separi da lui, mi accolga nel coro degli eletti, insieme a te e alla schiera dei Santi che ti hanno seguito nell’eterna beatitudine.

Dio onnipotente ed eterno, per i meriti e l’esempio di San Benedetto, della sorella, la vergine Scolastica e di tutti i Santi monaci, rinnova in me il tuo Santo Spirito; donami forza nel combattimento contro le seduzioni del Maligno, pazienza nelle tribolazioni della vita, prudenza nei pericoli.

Aumenta in me l’amore della castità, il desiderio della povertà, l’ardore nell’obbedienza, l’umile fedeltà nell’osservanza della vita cristiana. Confortato da Te e sostenuto dalla carità dei fratelli, possa io servirTi gioiosamente e giungere vittorioso alla patria celeste insieme a tutti i Santi.

Per Cristo Nostro Signore.
Amen.

Preghiera per ottenere grazie

O buon Gesù, vero Figlio di Dio e di Maria Vergine, che con la tua Passione e Morte ci hai liberati dalla schiavitù del demonio, e mediante i prodigi della Croce hai glorificato il tuo servo Benedetto accordandogli un potere illimitato sulle potestà infernali, concedici, te ne supplichiamo, mediante l’intercessione di questo Santo, la vittoria nella lotta assidua che sosteniamo non solo contro il demonio, nostro principale nemico, ma anche contro le perverse dottrine e gli esempi di vita scandalosa, specialmente con il parlare osceno e con il vestire immodesto, con i quali gli uomini di cattiva volontà cercano di danneggiarci nell’anima e nel corpo.

San Benedetto, nostro speciale protettore, prega per noi ed impetraci da Gesù le grazie speciali necessarie alla nostra anima e al corpo.

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

Spiegazione delle iniziali presenti sulla medaglia

C.S.P.B. = Crux Sancti Patris Benedicti (la Croce del Santo Padre Benedetto)
C.S.S.M.L. = Crux Sacra Sit Mihi Lux (la Croce Santa sia la mia luce)
N.D.S.M.D. = Non Drago Sit Mihi Dux (non sia il demonio il mio condottiero)
V.R.S. = Vade Retro, Satana! (allontanati, Sanata!)
N.S.M.V. = Numquam Suade Mihi Vana (non mi attirare alle vanità)
S.M.Q.L. = Sunt Mala Quae Libas (son mali le tue bevande)
I.V.B. = Ipse Venena Bibas (bevi tu stesso i tuoi veleni)

Uno degli episodi più noti di possessione diabolica, riportato in vari libri per la documentazione storicamente esatta che ci ha tramandato i fatti, è quello riguardante i due fratelli Burner, di Illfurt (Alsazia), che furono liberati con una serie di esorcismi nel 1869.

Ebbene, un giorno, tra i tanti gravissimi dispetti del demonio, si sarebbe dovuta rovesciare la carrozza che trasportava l’esorcista, accompagnato da un monsignore e da una suora.

Ma il demonio non poté attuare il suo proposito perché, al momento della partenza, era stata data al cocchiere una medaglia di San Benedetto, a scopo protettivo e il cocchiere se l’era messa devotamente in tasca.

(da Don Gabriele Amorth, “Un esorcista racconta” Ed. Dehoniane, Roma)

Preghierina del 11 luglio 2022
medaglia di San Benedetto

Storia

San Benedetto da Norcia viene invocato per ottenere morte “dolce” e per assicurare la salvezza eterna dei fedeli. Egli apparve un giorno a S. Geltrude, dicendo: “Chiunque mi ricorderà la dignità per cui il Signore ha voluto onorarmi e beatificarmi, concedendomi di fare una morte così gloriosa, io lo assisterò fedelmente in punto di morte e mi opporrò a tutti gli attacchi del nemico in quell’ora decisiva. L’anima sarà protetta dalla mia presenza, essa resterà tranquilla malgrado tutte le insidie del nemico, e felice si slancerà verso le gioie eterne.

Con la recitazione della Preghiera a San Benedetto da Norcia, ogni fedele invoca la figura del Santo come un devoto “servo di Dio” in grado di lottare contro le forze demoniache. Ogni fedele richiede, l’intercessione del Santo per la lotta quotidiana che ogni persona combatte nei confronti del demonio, ma anche verso ogni forma di malvagità quotidiana come la tendenza a parlare in modo osceno oppure a vestire con abiti succinti. Nella tradizione cattolica, San Benedetto viene definito come un “protettore speciale”: ogni fedele richiede la sua protezione e la concessione di grazie importanti per il corpo e per l’anima.

Dopo la recitazione della preghiera a San Benedetto, fa seguito il Padre Nostro, l’Ave Maria e la Gloria al Padre: può essere considerata una vera e propria forma di protezione “potente” nei confronti del male e consente, al contempo, di richiedere ed ottenere delle grazie.

La litania può essere recitata in qualsiasi momento dell’anno, ma la tradizione e la letteratura cattolica vuole che sia recitata il giorno della sua memoria liturgica: l’11 luglio.

Chi è San Benedetto da Norcia? Nato a Norcia nel 480 d.C da una famiglia romana agiata, San Benedetto trascorse nella cittadina umbra la sua infanzia e la sua fanciullezza, in età adolescenziale si trasferì a Roma per studiare. Qui rimase sconvolto dalla dissolutezza e dalla corruzione della città, per questo decise di abbandonare gli studi letterari per dedicarsi alla vita monastica. L’unico suo desiderio fu quello di avvicinarsi a Dio: all’età di 17 anni si ritirò insieme alla sua nutrice nella valle dell’Aniene, dove compì il suo primo miracolo.

Successivamente, abbandonò la nutrice e si diresse a Subiaco dove incontrò un monaco che gli indicò una grotta dove Benedetto visse per circa 3 anni. Al termine di questa esperienza accettò di fare da guida ad altri monaci e, nel 1529, si diresse a Cassino dove fondò un monastero: qui i monaci si rinchiudevano per tutta la vita e seguivano severe regole di buona condotta morale, basate sulla carità, sull’obbedienza e sull’alternanza tra la preghiera ed il lavoro.

San Benedetto morì a Montecassino nel 547, quaranta giorni dopo il decesso di sua sorella Scolastica.

Oggi San Benedetto da Norcia viene ricordato come il fondatore dell’Ordine dei Benedettini e viene venerato da tutte le comunità religiose cristiane che prevedono il culto dei santi.

fonte www.preghierecristiane.it

Preghiamo insieme:

preghierina del 11 luglio 2022

Ultimo aggiornamento il 16 Luglio 2022 by Remigio Ruberto

Pubblicità

Scrivi un commento...

Eventi in programma

Ultimi appunti pubblicati

lo slancio del cuore
18 Agosto 2022
Lo slancio del cuore
croce su sfondo del cielo
18 Agosto 2022
Vieni Spirito Santo
festa di nozze
18 Agosto 2022
La Parola del 18 agosto 2022
Eugenio e Francesca sulla giostra
17 Agosto 2022
Preghierina del 17 agosto 2022
lo sposo di topina
17 Agosto 2022
Lo sposo di Topina

Pubblicità

Pubblicità