Tempo di lettura: 3 minuti

Leggi e ascolta la nostra preghierina del 10 settembre 2021

Ciao amore Eugenio.

L’anno scorso, proprio oggi, il tuo corpo ti stava abbandonando, le tue forze erano allo stremo, la tua lucidità era messa a dura prova.

L’amore era tanto, tantissimo, enorme.

Avevi già il biglietto per partire con la Nasa per Marte: ma avevi altri programmi per la mente!

il biglietto di Eugenio della Nasa per Marte
il biglietto di Eugenio della Nasa per Marte

La colazione te la servivamo a letto, perché già non riuscivi a distaccarti dalle morbide ed accoglienti lenzuola.

Ah, la tua delizia: colazione salata, con toast, sottiletta e pancetta a fette.

I tuoi movimenti lenti lasciavano presagire che il vigliacco all’interno del tuo corpo ti teneva per le briglie.

Ma non sapeva che l’amore non si imprigiona, non si costringe, non si frena.
L’amore è un fiume in piena, è un uragano, è sole che splende, è luce che illumina, è fuoco che scalda.

I tuoi muscoli atletici, i tuoi piedi veloci, lasciavano spazio alla malattia, che ti rendeva stanco, lento e succube del letto.

E quando arriva ora di pranzo, la tua dolcissima sorellina Francesca, incurante del trauma del fratello in carrozzina, ti spinge al tuo posto a tavola, che ancora oggi è sempre li, ad aspettarti.

Hai gli occhi chiusi: ormai non sei più quaggiù, ormai sei già in viaggio per il paradiso, dove ti attende a braccia aperte nostro Signore Dio onnipotente e misericordioso.

Ti ha desiderato, ti ha voluto, ti ha avuto tutto per Se. E noi lo ringraziamo per averci donato questi 14 anni insieme con il tuo amore.

Mamma ti imbocca sia il pranzo che la cena: solo la tua mamma, che ti ha portato in grembo per nove mesi, può conoscere il dolore della gravidanza e del parto, e poi del vederti spegnerti lentamente.

Ha sofferto, e soffre ancora nel silenzio del suo grembo.

Ed io, il tuo papà, che ha tanto sofferto prima che arrivassi tu, angelo mio portatore della mia luce, posso solo stringerti forte a me, dormire accanto a te, accoccolarmi accanto a te.

Mio fratello, mio amico, mio figlio: il feeling che c’era e che c’è ancora oggi tra noi, è amore, amore puro.

Dormi angelo mio, angelo nostro.

Abbi cura di noi.

Noi ti preghiamo.

Preghierina del 10 settembre 2021
Eugenio Ruberto
Eugenio Ruberto
Preghierina del 10 settembre 2021
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Preghierina del 10 settembre 2021 20
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

Gesù e discepoli
14 Aprile 2024
La Parola del 14 aprile 2024
Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13 Aprile 2024
Preghierina del 13 aprile 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13 Aprile 2024
Dammi la mano ragazzo mio
mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024

Eventi in programma

×