Czas czytania: 6 minut

Przeczytaj i posłuchaj Ewangelii i Słowa z 12 lipca 2023 r

Środa XIV tygodnia wakacji okresu zwykłego

Pierwsze czytanie

Jesteśmy winni za naszego brata; dlatego dotknęła nas ta udręka.

Z Księgi Rodzaju
Rdz 41,55-57; 42.5-7a.17-24a
 
In quei giorni, tutta la terra d’Egitto cominciò a sentire la fame e il popolo gridò al faraone per avere il pane. Il faraone disse a tutti gli Egiziani: «Andate da Giuseppe; fate quello che vi dirà». La carestia imperversava su tutta la terra.

Allora Giuseppe aprì tutti i depositi in cui vi era grano e lo vendette agli Egiziani. La carestia si aggravava in Egitto, ma da ogni paese venivano in Egitto per acquistare grano da Giuseppe, perché la carestia infieriva su tutta la terra. Arrivarono i figli d’Israele per acquistare il grano, in mezzo ad altri che pure erano venuti, perché nella terra di Canaan c’era la carestia.

Józef sprawował władzę nad tą ziemią i sprzedawał zboże całej jej ludności. Bracia Józefa podeszli więc do niego i padli na niego twarzą do ziemi. Józef zobaczył swoich braci i rozpoznał ich, ale udawał, że jest dla nich obcy i trzymał ich w więzieniu przez trzy dni.

Il terzo giorno Giuseppe disse loro: «Fate questo e avrete salva la vita; io temo Dio! Se voi siete sinceri, uno di voi fratelli resti prigioniero nel vostro carcere e voi andate a portare il grano per la fame delle vostre case. Poi mi condurrete qui il vostro fratello più giovane. Così le vostre parole si dimostreranno vere e non morirete». Essi annuirono.

Mówili więc między sobą: «Z pewnością jesteśmy winni naszemu bratu, ponieważ widzieliśmy udrękę, w jakiej nas błagał, a my go nie słuchaliśmy. Dlatego dotknęła nas ta udręka».

Ruben prese a dir loro: «Non vi avevo detto io: “Non peccate contro il ragazzo”? Ma non mi avete dato ascolto.

Oto teraz proszą nas o jego krew». Nie zdawali sobie sprawy, że Józef ich zrozumiał, ponieważ tłumacz był między nim a nimi.
Odszedł więc i płakał.

Słowo Boże.
 

Psalm responsoryjny
Z Ps 32 (33)

R. Su di noi, Signore, sia il tuo amore.

Chwalcie Pana na cytrze,
przy akompaniamencie harfy dziesięciostrunowej.
Śpiewajcie Panu pieśń nową,
umiejętnie grać na citharze i zdobywać uznanie.R.
 
Pan anuluje plany narodów,
udaremnia projekty narodów.
Ale plan Pana trwa na wieki,
plany jego serca dla wszystkich pokoleń.R.
 
Oto oko Pana nad tymi, którzy się go boją,
su chi spera nel suo amore,
aby wybawić go od śmierci
i nakarm go w czasie głodu.R.
 

Ewangeliczna aklamacja

Alleluja, alleluja.

Il regno di Dio è vicino;
nawrócić się i uwierzyć w Ewangelię. (Mk 1,15)

Alleluja.

Ewangelia

Idź do zagubionych owiec z domu Izraela.

La Parola del 12 luglio 2023
La Parola del 12 luglio 2023 7

Z Ewangelii według Mateusza
Mt 10,1-7
 
In quel tempo, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.

I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui che poi lo tradì.

Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino».

Słowo Pana.

San Giustino (ok. 100-160)

filozof, męczennik

Pierwsze przeprosiny, 39-42 (tłum. cb© evangelizo)

«W drodze głoście, że bliskie jest królestwo niebieskie»

Quando lo Spirito profetico annuncia il futuro, ecco come parla: “Da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore. Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli. Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra” (Is 2, 3).

Queste parole si sono realizzate veramente. Dodici uomini sono partiti da Gerusalemme per andare ovunque nel mondo. Erano uomini semplici e non sapevano parlare. Eppure, in virtù della potenza divina, hanno annunciato a tutti gli uomini che erano stati mandati da Cristo per insegnare a tutti la parola di Dio.

E noi, che un tempo non sapevamo far altro che ucciderci l’un l’altro, non soltanto non combattiamo più i nostri nemici, ma, per non mentire, né ingannare i nostri giudici, confessiamo Cristo con gioia e moriamo martiri. (…)     

Ascoltate ciò che è stato detto riguardo a coloro che avrebbero annunciato la sua venuta. Parla il re profeta Davide, ispirato dallo Spirito profetico: “Il giorno al giorno ne affida il messaggio e la notte alla notte ne trasmette notizia. Non è linguaggio e non sono parole, di cui non si oda il suono.

Per tutta la terra si diffonde la loro voce e ai confini del mondo la loro parola » (Sal 19.3-5). (…) In un’altra profezia, lo Spirito profetico annuncia allo stesso Davide: “Da tutta la terra, cantate al Signore un canto nuovo, annunziate di giorno in giorno la sua salvezza (…) dite tra i popoli: ‘Il Signore regna dall’alto del legno’” (Sal 96 LXX). (…)     

Davide ha fatto questa profezia millecinquecento anni prima che Cristo fatto uomo fosse crocifisso; nessuno prima di lui è stato crocifisso per la salvezza delle nazioni, e neanche dopo di lui. Oggi, invece, nostro Signore Gesù Cristo è stato crocifisso, è morto, è risuscitato, è salito in cielo dove regna e questa buona notizia, sparsa nel mondo intero dagli apostoli, è la gioia di coloro che aspettano l’immortalità che egli ha promessa.

SŁOWA OJCA ŚWIĘTEGO

La ricerca del volto di Dio è motivata da un anelito di incontro con il Signore, incontro personale, un incontro con il suo immenso amore, con la sua potenza che salva.

I dodici Apostoli, di cui ci parla il Vangelo di oggi (cfr Mt 10,1-7), hanno avuto la grazia di incontrarlo fisicamente in Gesù Cristo, Figlio di Dio incarnato. Lui li ha chiamati per nome, ad uno ad uno – lo abbiamo sentito –, guardandoli negli occhi; e loro hanno fissato il suo volto, hanno ascoltato la sua voce, hanno visto i suoi prodigi.

L’incontro personale con il Signore, tempo di grazia e di salvezza, comporta la missione: «Strada facendo – li esorta Gesù – predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino» (v. 7). Incontro e missione non vanno separati. (Omelia Święta Marta, 8 lipca 2020)

Vangelo del giorno
Ewangelia dnia
Słowo z 12 lipca 2023 r
Loading
/

Pomóż nam pomagać!

La Parola del 12 luglio 2023 5
Dzięki Twojej małej darowiznie możemy wywołać uśmiech na twarzach młodych pacjentów chorych na raka

Ostatnie artykuły

Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13 Aprile 2024
Preghierina del 13 aprile 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13 Aprile 2024
Dammi la mano ragazzo mio
mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024
Eugenio e Nicola in palestra
12 kwietnia 2024 r
Preghierina del 12 aprile 2024

Nadchodzące wydarzenia

×