Legere tempus: 6 minuta

Legite plenam fabulam "Visitationis Beatae Mariae Virginis".

partium

Festum ab Urbano VI anno MCCCLXXXIX institutum est, eo consilio, ut Magno schismate finem immitteret per intercessionem Mariae. Initium habet apud Byzantium, die 2 iulii, cum Evangelium Mariae ad Elisabeth recitatur, in festo « Depositio in Sanctae Vest Theotokos in Blachernes ». Franciscani hunc diem festum Marianum adoptaverunt, sed in Visitatione Mariae anno 1263 factum est. Post liturgicam Concilii Vaticani II reformationem, festum fixum erat die 31 mensis Maii, in fine mensis Mariae dicatum.

“In diebus illis exiit Maria in montes et ibat in civitatem Iudae; Ingrediens domum Zachariae salutavit Elisabeth. Ut primum Elisabeth salutationem Mariae audivit, infans in utero eius prosilivit. Elisabeth, Spiritu Sancto repleta, magna exclamavit voce: « Benedicta tu in mulieribus, et benedictus fructus ventris tui! (Lc 1, 39-42; 46-47).

Stadio

Per una sorta d’impulso interiore, la Vergine Maria corre dalla cugina Elisabetta.

Multae sunt causae quae Virginem Mariam ad illud iter aggrediendum suggesserunt. Desiderium se tradendi in servitium consobrinae Elisabethae, sciens se puerum aetate provecta exspectare, sicut desiderium communicandi id quod ei accidit, cognoscens facilius se inter mulieres "visitari" intelligere. angelum. In eo "currendo" Maria se ostendit esse mulierem missionalem (in nuntiando laetitiam afferendo et communicando) ac mulierem caritatis (se in inserviendo consobrino suo seniori).

Sed nihil prohibet quominus putemus sanctum desiderium fuisse etiam euntes et videndi signum quod ei angelus significaverat.Ed ecco Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio” (Lc 1,36-37).

In fondo anche i pastori, in fretta, andarono a vedere “il segno” che gli angeli annunciarono loro nella notte di Natale: “Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia» (Lc 2,12). A conferma che Maria non sottovaluta i “segni” che Dio le offre.

Conventus inter duas matres

La scena del vangelo raccorda le due “annunciazioni”, ad Elisabetta e a Maria: due donne e due promesse. E non appena sente il saluto di Maria, il bimbo in grembo di Elisabetta comincia a “danzare”.

Il Messia Gesù, non ancora nato ma presente nel grembo della madre Maria, incontra il precursore, profeta presente egli pure nel grembo della madre Elisabetta e, riconosciuto, causa la gioia, l’esultanza, la danza, come quella di David davanti all’arca della presenza del Signore (cf. 2Sam 6,12-15).

De laude ad officium

Canticum autem laudis, Magnificat, quod narrat conversionem logicae humanae, ubi novissimi primi fiunt, non litterae mortuae manet, sed vita in servitio venit.

Oratio beati Caroli de Foucauld .

Maria, mater sollidta in Visitatione;
doce nos audire Verbum;
auscultatio salit et cito facit;
ad omnes casus paupertatis nos dirigit
dove è necessaria la presenza del Figlio tuo.

Insegnaci a portare Gesù,
tacite et humiliter, sicut fecistis!
Nostrae fraternitates (familiae) in medio sunt
illis qui non noverunt eum
ut evangelium suum divulgaret
non verbis sed vita testante;
non annuntians sed vivens!

Doce nos iter simpliciter
ut tu,
con lo sguardo sempre fisso su Gesù
adsis in utero tuo;
contemplans eam adorans et imitans.

Maria, mulier Magnificat.
doce nos fidelem esse missioni nostrae;
portare Gesù alla gente!

O Mater dilecta, tua est missio.
la prima che Gesù ti ha affidato
et quod nobiscum communicare dignatus es.

Adjuva nos, et intercede pro nobis ut facias
quae fecisti in domo Zachariae.
glorificare Dio e santificare le persone in Gesù,
gratias agere ei et pro se! Amen!

Post denuntiationem angelicae, Maria percurrit"propere", inquit Lucas evangelista (1, 39) : «In diebus illis exiit Maria in montana et festinavit in civitatem Iudae", visitare Elisabeth cognatam suam et ei ministrare.

Aggregandosi probabilmente ad una carovana di pellegrini che si recano a Gerusalemme, attraversa la Samaria e raggiunge Ain-Karim, in Giudea, dove abita la famiglia di Zaccaria. È facile immaginare quali sentimenti pervadano il suo animo alla meditazione del mistero annunciatole dall’angelo. Sono sentimenti di umile riconoscenza verso la grandezza e la bontà di Dio.

Maria magnificat vir quae operatur in ea: "L’anima mia magnifica il Signore ed il mio spirito esulta in Dio mio Salvatore” (Lc 1,46). Con queste parole Maria per prima cosa proclama i doni speciali a lei concessi, poi enumera i benefici universali con i quali Dio non cessò di provvedere al genere umano per l’eternità.

La presenza del Verbo incarnato in Maria è causa di grazia per Elisabetta che, ispirata, avverte i grandi misteri operanti nella giovane cugina, la sua dignità di Madre di Dio, la sua fede nella parola divina e la santificazione del precursore, che esulta di gioia nel seno della madre. Maria rimane presso Elisabetta fino alla nascita di Ioannes Baptistaexpectans verisimiliter alterum octo dies pro ritu nuncupato.

Hanc rationem temporis acceptam cum Elisabeth cognata sua, festo Visitationis, origine franciscana (Fratres Minores iam anno 1263) celebratus est, die 2 iulii, hoc est, in fine Mariae, celebratum est. Consequentius esset memoriam eius ponere post diem 25 mensis Martii, in festo annuntiationis, sed decrevit evitare infra tempus quadragesimale.

Fu poi Urbano VI (Bartolomeo Prignano, 1378-1389) ad estendere la festa a tutta la Chiesa latina per propiziare, con l’intercessione di Maria, la pace e l’unità dei cristiani divisi dal grande scisma d’Occidente.

Synodus Basiliensis, in sessione die 10 mensis Iulii anno 1441, Visitationis festivitatem confirmavit, ab Ordinibus antipapo non acceptis initio.

Calendarium liturgicum

Hodiernum Calendarium liturgicum, ratione chronologiae eventuum evangelicorum non habita, traditum diem diei 2 Iulii (antiquis etiam temporibus commemoratum Visitationis in aliis temporibus commemoratum est) omisit, ut eius memoriam reficeret pridie Kalendas Maias. mensis coronarius quem popularis devotio peculiari Virginis cultui consecrat.

"Anno ab Incarnatione Dni- commentatione S. Francisci Salesii. Maria si umilia confessando di essere la serva del Signore…Ma Maria non si indugia ad umiliarsi davanti a Dio perché sa che carità e umiltà non sono perfette se non passano da Dio al prossimo. Non è possibile amare Dio che non vediamo, se non amiamo gli uomini che vediamo. Questa parte si compie nella Visitazione".

Visitazione Beata Vergine Maria
Visitazione Beata Vergine Maria 4

fons evangeloftheday.org


adiuva nos adiuva!

Visitazione Beata Vergine Maria 2
Cum parva donatione tua risus iuvenibus cancer aegros afferimus

Articuli tardus

Eugenio e Nicola in palestra
die 12 mensis Aprilis anno 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
die 12 mensis Aprilis anno 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
die 12 mensis Aprilis anno 2024
Da mihi tempus!
Pane spezzato
die 12 mensis Aprilis anno 2024
Verbum 12 mensis Aprilis anno 2024
panorama notturno mare
Die 11 Aprilis 2024
Oratio die 11 mensis Aprilis anno 2024

Upcoming Events