Legere tempus: 6 minuta

Lege et audi Verbum 8 Maii 2023

Hodie celebrat Ecclesia: Beatae Mariae Virginis de Pompeiano

Lunae quintae hebdomadae Paschae

Lectio prima

Vi annunciamo che dovete convertirvi da queste vanità al Dio vivente.

Ex Actibus Apostolorum
Acts 14.5-18

In diebus illis in Iconio tentatum est a paganis et iudaeis cum principibus suis Paulum et Barnabam oppugnare et lapidare; et cognoverunt eam ad Lycaoniam, Lystram, et Derbenque urbes, et circumjacentes suos confugerunt, et ibi evangelizantes iverunt.

Erat autem in Lystris homo paralyticus in cruribus, et claudus a nativitate, qui numquam ambulaverat. Audiens autem Paulum loquentem haec, intuens eum et videns se habere fidem quod salvus esset, dixit magna voce: « Surge, sta super pedes tuos ». Et exilivit et ambulabat. Videntes autem turbae quae fecerat Paulus, coeperunt clamare, dicentes: Lycaonia: dii sunt in nobis forma humana.

Et vocabant Barnabam Jovem, et Paulum Hermes, quia ipse erat qui loquebatur.

Intanto il sacerdote di Zeus, il cui tempio era all’ingresso della città, recando alle porte tori e corone, voleva offrire un sacrificio insieme alla folla. Sentendo ciò, gli apostoli Bàrnaba e Paolo si strapparono le vesti e si precipitarono tra la folla, gridando: «Uomini, perché fate questo?

Anche noi siamo esseri umani, mortali come voi, e vi annunciamo che dovete convertirvi da queste vanità al Dio vivente, che ha fatto il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che in essi si trovano.

Egli, nelle generazioni passate, ha lasciato che tutte le genti seguissero la loro strada; ma non ha cessato di dar prova di sé beneficando, concedendovi dal cielo piogge per stagioni ricche di frutti e dandovi cibo in abbondanza per la letizia dei vostri cuori».

Quo dicto, aegre ferebant quin turbae sacrificium offerrent.

Verbum Dei.

Psalmus responsorius
Lectio Ps 113B (115).

R. Non nobis Domine, sed nomini tuo da gloriam.

non nobis domine non nobis
sed nomini tuo da gloriam,
per il tuo amore, per la tua fedeltà.
Cur homines dicerent;
«Dov’è il loro Dio?». R.

Il nostro Dio è nei cieli:
quidquid vult, facit.
Simulacra gentium argentum et aurum;
opera manuum hominum. R.

Benedíctus sit Dóminus,
qui fecit caelum et terram.
Cæli cæli Dómini;
ma la terra l’ha data ai figli dell’uomo. R.

Acclamatio evangelii

Alleluja, alleluja.

Spiritus sanctus docebit vos omnia;
dicit Dominus.
et narrabo tibi omnia, quae locutus sum tibi. (Io 14, 26).

Allelúja.

Evangelium'

Lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome vi insegnerà ogni cosa.

La Parola del 8 maggio 2023
Spiritus Paraclitus

Lectio sancti Evangelii secundum Ioannem
Io 14,1-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Dicit ei Iudas, non Iscariotes: Domine, quomodo factum est ut nobis te reveles, et non mundo?
Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Verbum Domini.

Symeon theologus novus (ca. 949-1022).

monaco greco

Inni 52, SC 196

« Pater meus diliget eum, et ad eum veniemus et cum Illo mansionem facimus ».

Quando Paolo ti dice: “Dio che disse: Rifulga la luce dalle tenebre, lui che rifulse in me…” (cfr. 2 Co 4,6), quale altro Dio, dimmi, t’invita a conoscere se non quello stesso che abita la luce insostenibile e che nessun uomo ha mai visto ancora.

Poiché è lui che, prima soprannaturale e increato, ha preso carne e si è rivelato a me come creatura divinizzandomi interamente, me che egli ha assunto in modo mirabile. (…)

Quindi coloro che hanno accolto Dio grazie alle opere della fede ed hanno meritato il nome di dei, generati dallo Spirito, sì, lui stesso, loro lo vedono, lui loro Padre che non smette di abitare la luce inaccessibile; lo hanno in loro stessi, in casa, e loro stessi abitano in lui, l’assolutamente inaccessibile.

Ecco la vera fede, l’opera di Dio, ecco il sigillo dei cristiani, la comunione con Dio, ecco la partecipazione, la caparra divina, ecco in cosa consiste la vita, il Regno, ecco il vestito del Signore che i battezzati rivestono per la fede, e non senza saperlo, te lo dico, né inconsciamente, ma grazie alla fede con consapevolezza e coscienza. (…)

Una volta divenuto totalmente quanto ho appena detto, vieni e resta con noi, fratello mio, sulla montagna della conoscenza divina, della contemplazione divina, ed insieme ascolteremo la voce del Padre!

VERBA SANCTI PATRIS

In che cosa consiste la missione dello Spirito Santo che Gesù promette in dono? Lo dice Lui stesso: «Egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Nel corso della sua vita terrena, Gesù ha già trasmesso tutto quanto voleva affidare agli Apostoli: ha portato a compimento la Rivelazione divina, cioè tutto ciò che il Padre voleva dire all’umanità con l’incarnazione del Figlio. Il compito dello Spirito Santo è quello di far ricordare, cioè far comprendere in pienezza e indurre ad attuare concretamente gli insegnamenti di Gesù.

E proprio questa è anche la missione della Chiesa, che la realizza attraverso un preciso stile di vita, caratterizzato da alcune esigenze: la fede nel Signore e l’osservanza della sua Parola; la docilità all’azione dello Spirito, che rende continuamente vivo e presente il Signore Risorto; l’accoglienza della sua pace e la testimonianza resa ad essa con un atteggiamento di apertura e di incontro con l’altro. (Regina Caeli, diei 26 maii 2019

Vangelo del giorno
Evangelium diei
Verbum 8 Maii 2023
Loading
/

adiuva nos adiuva!

La Parola del 8 maggio 2023 5
Cum parva donatione tua risus iuvenibus cancer aegros afferimus

Articuli tardus

Gesù e discepoli
14 Aprile 2024
La Parola del 14 aprile 2024
Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13 Aprile 2024
Preghierina del 13 aprile 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13 Aprile 2024
Dammi la mano ragazzo mio
mani sul cuore
13 Aprile 2024
Messo da parte per la sua gloria
Gesù cammina sulle acque
13 Aprile 2024
La Parola del 13 aprile 2024

Upcoming Events