Tempo di lettura: 7 minuti

Legenda S. Monicae matris S. Augustini Episcopi

Ex ethnicitate Berber, Monica anno 331 natus est, in Tagaste, in Africa septentrionali, ex opulenta familia solidis traditionibus christianae.

Sacrae Scripturae dogmata cum dedicatione discit; validam eius interiorem elaborare partem precatio et assidua sacramentorum praxis, quae Monica ministerium in ecclesiali communitate sustinet.

Patricium, paganum, ambitiosum, iracundum, difficili ingenio, etiam infidum, ducit.

Monica, suavis, benevola et capax dialogum temporibus opportunis reperiendi, cum suo "modo" constituto exspectationis, patientiae et precationis, sicut amicis suggerit, qui confidunt in quaestionibus et fallaciis cum sponsis — amaritudinem superare procurat. mariti ad fidem perducere.

Uxor et mater

Aetatis suae XXII peperit Augustinum primogenitum, quem sequitur Navigio et filia, cuius nomen ignoratur.

Monica li educa ai valori cristiani. Rimasta vedova a 39 anni, è lei a provvedere all’amministrazione dei beni di famiglia, dedicandosi anche con amore smisurato alla prole. Madre premurosa e solerte, a destargli più preoccupazioni è Agostino, il “figlio di tante lacrime” dal cuore inquieto; ambizioso retore che, alla ricerca della verità, si allontana dalla fede cattolica e vaga da una filosofia all’altra.

Monica non smette di pregare per lui e segue tutte le vicende della sua vita cercando di restargli accanto. Per questo si trasferisce a Cartagine e poi in Italia, quando il figlio, docente di retorica, all’apice della carriera, va a vivere a Milano.

Il suo affetto materno e le sue preghiere accompagnano la conversione di Agostino, che, ricevuto il battesimo dal vescovo Ambrogio, decide di tornare a Tagaste per dar vita ad una comunità di servi di Dio. Monica è con lui. Bisognerà imbarcarsi a Ostia, per fare ritorno in Africa. Ma qui l’attesa della nave costringe ad una sosta.

Elatio Ostiensis et obitus

Inter Monica et Agostino dies dialogi spiritales intenti transierunt.

Sic dicta ecstasia Ostiensis, quae in Confessionibus (9, 10, 23-27) narrata est, ad unum ex his revocari potest. ". longum iter ad transitum maris.

Sola igitur cum magna dulcedine locuti sumus. Praeterita obliviscentes et ad ea quae praecedunt innixa, coram nobis quaerebamus veritatem, quia tu, quaenam esset vita aeterna sanctorum, percurrimus super omnia corporalia et ipsum caelum... Et adhuc. cum consideratione, exaltatione, admiratione operum vestrorum intra nos ascendentes, pervenimus ad animas nostras, et nos etiam superavimus eas ad littus inexhaustae abundantiae, ubi vita est sapientia.

E mentre ne parlavamo e anelavamo verso di lei, la cogliemmo un poco con lo slancio totale della mente”. Monica sente di aver raggiunto l’apice della sua vita e confessa al figlio: “Per quanto mi riguarda, questa vita ormai non ha più nessuna attrattiva per me.

Cosa faccio ancora qui e perché sono qui, lo ignoro. Le mie speranze sulla terra sono ormai esaurite. Una sola cosa c’era, che mi faceva desiderare di rimanere quaggiù …: il vederti cristiano cattolico prima di morire. Il mio Dio mi ha soddisfatta ampiamente, poiché ti vedo addirittura disprezzare la felicità terrena per servire lui. Cosa faccio qui?”.

Qualche giorno dopo Monica si ammala. Muore all’età di 56 anni e il suo corpo viene tumulato dove oggi sorge, ad Ostia Antica, la chiesa di Sant’Aurea, un tempo probabilmente basilica paleocristiana con a fianco una necropoli.

Reliquiae Sanctae Monicae

Sanctae Monicae reliquiae aliquot saeculis in Sant'Aurea servatae sunt.

Oggi vi è conservata solo una lapide, poiché nel XV secolo Papa Martino V volle le reliquie a Roma, nella chiesa di San Trifone – officiata dai frati agostiniani – poi inglobata nella più grande Basilica di Sant’Agostino.

Et hic adhuc reperiuntur, in sarcophago marmoreo viridi collocati, in sacello a Pietro Gagliardi picturis ornata, anno MDCCCLXXXV.

fons © Vaticanus News - Dicasterium Communication

Santa Monica
Santa Monica 2

Monica anno 331 natus est in Tagaste, antiqua Numidiae urbe, hodie Souk-Ahras (Algeria), in familiam penitus christianam bonae condicionis oeconomicae. Illa studere permissa est et occasionem biblicam legendi et meditandi accepit.

Nupta Patritio, modesto Tagastensi domino, nondum baptizato, cuius indoles non bona erat, et saepe ei infidelis, mitem ac suavem valuit amaritudinem superare.

Dette alla luce il figlio primogenito Agostino nel 354. Ebbe un altro figlio, Naviglio, e una figlia di cui si ignora il nome. Dette a tutti e tre un’educazione cristiana.

Nel 371 Patrizio si convertì al cristianesimo e fu battezzato; morirà l’anno seguente. Monica aveva 39 anni e dovette prendere in mano la direzione della casa e l’amministrazione dei beni. Soffrì molto per la condotta dissoluta di Agostino. Quando egli si trasferì a Roma, decise di seguirlo, ma lui, con uno stratagemma, la lasciò a terra a Cartagine, mentre s’imbarcavano per Roma.

Quella notte Monica la passò in lacrime sulla tomba di S. Cipriano; pur essendo stata ingannata, ella non si arrese ed eroicamente continuò la sua opera per la conversione del figlio.

Anno 385 eam quoque in Mediolanum conscendit et ad eum se contulit, ubi interea Augustinus, contradicente Manichaeorum actione Romae, ad cathedram rhetoricae implendam moverat.

Hic Monica consolationem habuit videndi eum in schola sancti Ambrogii, episcopi Mediolanensis, et tunc praeparandi baptismum cum tota familia, cum fratre Navigio et amico Alipio; ita eius precibus esse responsum. Episcopus Tagastensis dixit ei: "È impossibile che un figlio di tante lacrime vada perduto".

Monica restò al fianco del figlio consigliandolo nei suoi dubbi e infine, nella notte di Pasqua, 25 aprile 387, poté vederlo battezzato insieme a tutti i familiari. Ormai cristiano convinto profondamente, Agostino non poteva rimanere nella situazione coniugale esistente.

Secondo la legge romana, egli non poteva sposare la sua ancella convivente, perché di ceto inferiore, e alla fine, con il consiglio di Monica, ormai anziana e desiderosa di una sistemazione del figlio, si decise di rimandare, con il suo consenso, l’ancella in Africa, mentre Agostino avrebbe provveduto per lei e per il figlio Adeodato, rimasto con lui a Milano.

Hic Monica putavit se sponsam Christianam officio suo aptam reperire, Augustinus vero, cum magnae ac gratae admirationis esset, statuit non iterum nubere, sed in Africam redire etiam ad vitam monasticam, imo ad coenobium fundantem.

La troviamo poi accanto al figlio a Cassiciaco, presso Milano, discutendo con lui ed altri familiari di filosofia e cose spirituali, e partecipando con sapienza ai discorsi, al punto che Agostino volle trascrivere nei suoi scritti le parole della madre. La cosa suonò inusuale, perché all’epoca alle donne non era permesso prendere la parola.

cum Augustino Mediolanum Romam, inde Ostiam profectus est, ubi navem Africam opperiens locavit. Erat tempus plena dialogorum spiritualium, quos Augustinus in Confessionibus suis ad nos revocat.

Lì si ammalò, forse di malaria, e morì, in nove giorni, il 27 agosto 387 all’età di 56 anni. Il suo corpo fu tumulato nella chiesa di Sant’Aurea di Ostia.

Il 9 aprile 1430 le sue reliquie furono traslate a Roma nella chiesa di S. Trifone, oggi di S. Agostino, e poste in un pregiato sarcofago, opera di Isaia da Pisa (XV secolo).

La Chiesa cattolica ne celebra la memoria il 27 agosto (anteriormente si celebrava il 4 maggio), il giorno prima di quella di S. Agostino, che, coincidentemente, morì un 28 agosto.

Sensus nominis Monica: "monialis, solitaria, eremita" (Greek).

fons © evangeloftheday.org


5x1000 tuam tuam consociatione
Nihil tibi constat, nobis multum valet!
Adiuva nos adiuva parva cancer aegris
scribis;93118920615

Articuli tardus

dare, porgere fiori
18 Aprile 2024
Creato per amare gli altri
cross, crucifix, chalice, eucaristia
18 Aprile 2024
La Parola del 18 aprile 2024
il pane di vita
die 17 mensis Aprilis anno 2024
Preghierina del 17 aprile 2024
mamma e bimba nel giardino
die 17 mensis Aprilis anno 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
die 17 mensis Aprilis anno 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo

Upcoming Events