Legere tempus: 6 minuta

San Remigio: die 13 Ianuarii (et 1 Octobris) celebratur.

Remigius Remensis

Remigius Remensis(Laudunensis,437de -Remensis, die 13 ianuarii 533 ) archiepiscopus Francus erat.

Ut sanctus coliturCatholic Church. Consiliarius et scriba legalis regis.

St Remigius, vescovo di Reims, dopo che il re Clodoveo nel Natale 498 fu iniziato al sacro fonte battesimale ed ai sacramenti della fede, convertì i Franchi a Cristo e, dopo oltre sessant’anni di episcopato, lasciò questa vita ragguardevole per santità.

Novissima editio Martyrologii Romani (2001) S. Remigium die 13 ianuarii, dies natalis eius, commemorat, dum ad libitum liturgicum in Gallia memoria celebratur die XV mensis Ianuarii, die sepulturae eius.

Il calendario della forma extra-ordinaria del Rito Romano pone la sua commemorazione al 1° ottobre, anniversario della traslazione solenne dei suoi resti nella basilica a lui dedicata, traslazione autorizzata dal pontefice San Leone IX il 1° ottobre 1049.

Olim etiam Martyrologium eius memoria 1 octobris, hodieque multis in locis eo die celebratur.

Etymologia: Remigio = qui remigio, e Latino remige

Emblema: Staff pastoralis, phialam olei

Martyrologium Romanum: Remensi, adhuc in Gallia Belgica, nunc in Gallia depositio sancti Remigii episcopi: et postquam rex Clodoveus in sacro fonte baptismatis et fidei sacramentis initiatus est, Francos ad Christum convertit, et post annos sexaginta amplius. episcopatum ex hac vita sanctitate insignem reliquit.

Nato cittadino romano, Remigio vede crollare nel 476 l’Impero di Occidente e sparire il dominio di Roma nella sua Gallia, che passa in mano alle tribù barbariche di Burgundi, Alamanni e Visigoti. Sul finire del V secolo, il popolo germanico dei Franchi occupa via via il Paese, al quale darà infine anche il proprio nome: Francia.

Remigio appartiene al ceto dei gallo romani, legati da generazioni alla cultura latina, da cui ora provengono molti uomini di Chiesa. Viene acclamato vescovo di Reims prima di compiere i trent’anni, e un suo fratello di nome Principio sarà vescovo di Soissons.

All’epoca, la Gallia è un arcipelago di isole e isolette cattoliche, in un mare formato da Burgundi e Visigoti di fede ariana, mentre le campagne sono ancora pagane, come a loro modo pagani sono anche i Franchi, condotti in Gallia dal re Childerico.

Meno evoluti degli altri popoli, i Franchi sono però dei grandi combattenti (non portano elmo né corazza) e hanno reso buoni servizi militari a Roma in passato.
Morto nel 482 Childerico, gli succede il figlio Clodoveo quindicenne. A lui Remigio, vescovo cattolico in territorio franco, scrive lettere rispettose e insieme autorevoli. Una di esse dice: “Vegliate a che il Signore non distolga lo sguardo da voi. Consigliatevi con i vostri vescovi.

Divertitevi con i giovani, ma deliberate coi vecchi”. Da un lato lo ammonisce, dall’altro riconosce la sua sovranità: un muoversi anche da politico, che è inevitabile per Remigio, “evangelizzatore a vita” tra i Franchi.

E’ un aiuto prezioso per Clodoveo, perché favorisce l’adesione degli altri vescovi e dei gruppi galloromani. Così il re giungerà a essere padrone del Paese, dopo la vittoria del 507 a Vouillé sui Visigoti, dando così l’inizio alla dinastia dei Merovingi. Ma non c’è soltanto la politica. Su di lui influisce fortemente in senso religioso la moglie Clotilde, che è già cattolica; influisce Remigio, che lo istruisce personalmente nella fede.

E molti atti successivi del re Clodoveo rivelano una religiosità personale autentica. Si arriva così al suo battesimo, per opera del vescovo, a Reims, in un giorno di Natale di un anno incerto. Alcuni sostengono fosse il 497. In un’iscrizione della fine del XV secolo a Reims si legge: “L’an de grace cinq cent le roy Clovis – receut a Reims par saint Remy baptesme”. Saremmo allora al 500.

Ma dopo quel Natale, quale che sia, riprende il lungo, feriale lavoro di Remigio per annunciare il Vangelo a chi non è re né principe; senza poeti e cronisti al seguito. Una fatica durata quasi settant’anni, secondo una tradizione. Un’immersione totale nei suoi doveri, oscuramente portata avanti, e di cui si parlerà soltanto dopo la sua morte, quando Remigio sarà acclamato santo direttamente dalla voce popolare.

L’ultima edizione del Martirologio Romano (2001) ricorda San Remigio il 13 gennaio, suo dies natalis, mentre la sua memoria liturgica facoltativa in Francia è celebrata il 15 gennaio, giorno della sua sepoltura. Il calendario della forma extra-ordinaria del Rito Romano pone la sua commemorazione al 1° ottobre, anniversario della traslazione solenne dei suoi resti nella basilica a lui dedicata, traslazione autorizzata dal pontefice San Leone IX il 1° ottobre 1049.

Olim etiam Martyrologium eius memoria 1 octobris, hodieque multis in locis eo die celebratur.

San Remigio di Reims
S. Remigius Remensis

Ecclesias Sancto Remigio dicatas;

  • Italia
    • Ecclesia parochialis Sancti Remigio, Fosdinovo (Massa et Carrara), ubi reliquiae S. Lucensis anno 1701 illuc delatae sunt, tum statua notatio ad medium saeculi XIV, imaginem in summo positam. introitus portae et multa alia ad S. Gallicum.
    • Ecclesia Sancti Remigii, Carignano (Turin).
    • Ecclesia Sancti Remigii Florentie.
    • Duomo dei SS. Giovanni Battista e Remigio, Carignano (Torino).
    • Ecclesia Sancti Remigii, Cavasso Nuovo (Naonis).
    • Ecclesia Sancti Remigii, Villadeati (Alessandria).
    • Ecclesia Sancti Remigii, Goido (Pavia).
    • Oratorium Sancti Remigio, Verbania-Pallanza.
    • Parochia Sancti Remigio, Colleverde, Guidonia Montecelio (Roma).
    • Parochia Sancti Remigio, Vione (Brescia).
    • Parrocchia Assunzione di Maria Vergine e San Remigio, Arignano (Torino).
    • Parochia Sancti Remigio Vimodrone, (Milan).
    • Chiesa dei Santi Ilario e Remigio, Figliaro, Beregazzo con Figliaro, (Como).
    • Ecclesia Sancti Remigii, Endine Gaiano (Bergamo). In paroecia Endine reliquia authentica Sancti Episcopi Remensis conservatur, et simulacrum ligneum, quod depingit baptizantem Clodoveum regem, anno MDCCCLXVII redditum ac "Ex voto" ab multitudine factum.
    • Ecclesia Sancti Remigii in Sedriano (Milan).
    • Oratorium Sancti Remigio, Busto Garolfo (Milan).
    • Prior abbatia Sancti Remigio de Ligure Parodiensi ad antiquam compositionem Benedictinam minus quam 4 km e Gavi pertinet.
    • Ecclesia parochialis Santi Mariae e Remigio, in Pecetto di Valenza (Alessandria).
  • Gallia
    • Basilica Sancti Remigii Remensis.


San Remigio patronus est;

  • Arignano (Turin)
  • Carignano (Turin)
  • Novum Cavasso (Naonis)
  • Fosdinovo (Massa et Carrara)
  • Colleverde (Guidonia Montecelio)
  • Saint-Rémy pagus Sancti-Rhémy-en-Bosses (Vallis Praetoriae)
  • Sedriano (Milan)
  • Villadeati (Alessandria)
  • Pecetto di Valenza (Alessandria)
  • Vimodrone (Milan)
  • Vione (Brescia)

Festum sancti vos nominatum est

Nomen hodie vulgo celebratur 13 januarii in honorem S. Remigii, Remensis archiepiscopi.
Memorantur etiam cum hoc nomine in sequentibus temporibus.

Ianuarii 19 S. Remigii, archiepiscopi Rotomagensis
S. Remigius, episcopus Argentinensis
19 giugno, san Remigio Isoré, sacerdote gesuita, uno dei martiri cinesi
28 Octobris S. Remigii, archiepiscopi Lugdunensis

fontes © Christiana familia | Vicipaedia


5x1000 tuam tuam consociatione
Nihil tibi constat, nobis multum valet!
Adiuva nos adiuva parva cancer aegris
scribis;93118920615

6 comments

Articuli tardus

Remigio e Giuseppina mano nella mano
die 19 mensis Aprilis anno 2024
maneo!
miracolo eucaristico, eucaristia
die 19 mensis Aprilis anno 2024
Verbum diei 19 mensis Aprilis anno 2024
Eucaristia
Die 18 Aprilis 2024
Oratio die 18 mensis Aprilis anno 2024
water, fish, japan, pesciolini rossi
Die 18 Aprilis 2024
Pinco hippurus
dare, porgere fiori
Die 18 Aprilis 2024
Creatus est amare alios

Upcoming Events