Legere tempus: 5 minutes

Nulla pax! Cur tam propensi sumus ad discordiam?

Commentarium in Evangelium Dominicae 28 Maii 2023

Dominica Pentecostes - Annus A

Act 2,1-11 Ps 103 1Cor 12,3-7.12-13 Jn 20,19-23 .

Multiplicitas, si unitatem non habet, origo dissensionis et iurgii est

Sancte Augustine,Oratio272/B, 2
Pace, Non c’è pace! Commento al Vangelo di Domenica 28 maggio 2023
Non c’è pace! 7

Discordiam killjoy

Discordia est numerus vitae humanae. Ducimur nosmet ipsos dividere, se invicem facere bellumut aspicias nos diffidentia. Operam operam dabimus ad aedificandum mundum mali.

Lo avevano capito anche gli antichi greci che avevano immaginato una dea specificamente dedita alla discordia.

Si tratta di Eris che Omero definisce “signora del dolore”. Eris è particolarmente attiva durante le guerre, accanto al fratello Ares, con lo scopo di rendere combattivi i cuori dei soldati in guerra.

Una celebre episodium quod videt eam heros id evenit inter epulas propter nuptias Pelei et Thetidis, ad quas non invitatus Eris (nos omnes in celebrationibus velimus discordiam vitare). Eris ut vindicet, malum inter convivas iacit in quo scriptum erat "ad pulcherrimum".

Da qui la lite tra Era, Afrodite e Atena per contendersi il titolo onorifico.

Ex hac levi discordia oriri possunt noxiae consequentiae: imo ex illa discordia ducemus ad bellum Troianum!

Satus superbia

Discordia et divisio, qualis ea quae in Babel evenit (cf. Gn 11, 1-9), ubi iam se invicem non comprehendimus, signum est absentiae Spiritus. Distinctio inter nos est, sed multoties etiam intra nos est, dum voces contentiones inter nostros excitant et pugnant Cordis.

Di solito l’origine della divisione è la superbia, la pretesa di sembrare migliori degli altri: le tre dee greche si contendono un titolo persino illusorio.

Andiamo spesso dietro a gratificazioni che non esistono, si chiamano infatti vanità, cose vuote e inconsistenti, che però muovono il nostro animo a schierarsi a battaglia.

Cum primum aut optimum esse dicimus, alter adversarius fit vinci: Eris discordia, cor nostrum audaciam facit, visum excaecat, ne videamur, qui ante nos est, id solum volumus abolere; alia illusio quod sic tandem habebimus meritum spatium. Alter praesentia sua remittit imaginem cladis ac limitationis.

Creare conditionibus

Paradoxice, licet haec sit ordinaria cordis humani conditio, omnes facile agnoscimus nos in divisione vivere nolle, sed concordiam, pacem et tranquillitatem optare affirmamus.

AuctoritasActa Apostolorumanimum ad eas adducit conditiones quae communionem sumendam in signum vitae sinunt Spiritus.

Prima di tutto ci viene detto che i discepoli si trovavano nello stesso luogo (cf At 2,1): non sono dispersi, non stanno lavorando ciascuno per se stesso, ma si ritrovano, forse per condividere coraggiosamente quello che stanno vivendo.

non se defendunt, nec secernunt; In eodem loco manere inter se bellum gerere desinentes, simul inhabitantes quod cari habemus. In eodem consilio, in eodem desiderio, in eodem somnio.

Share

L’immagine dello Spirito descritta in questo testo è quella di uno stesso fuoco che si divide, una stessa sorgente, da cui ciascuno riceve.

Spiritus est ubi cupimus participes, dove nessuno trattiene per sé, dove ci riconosciamo figli di uno stesso padre, dove mettiamo insieme quello che abbiamo, le nostre risorse, le nostre conoscenze, i nostri doni.

Compositio et communicatio est fortiter actum et ideo non ita frequens. Solent inquirere nostra propria.

Communicare

Spiritus est effectus Communio quia discipuli seipsos intelligere possunt, licet diversis linguis loquantur. Non casucommunicareEtCommunioeandem habent radicem;cum-munusConferte amunusquod est et donum et munus.

Il segno della comunione è il successo della comunicazione: parliamo la stessa lingua, cioè riusciamo a capirci, perché abbiamo nel cuore lo stesso desiderio.

Quando la comunione si spezza, non ci si capisce più, si diventa estranei.

Si cogitamus id, quod communio frangit omne quod non est ex Spiritu: non iam nos invicem intellegere possumus, cum quisque suas rationes quaerit, cum conamur. dolus alterum, cum praejudicia nostra occultamus.

fructus veniae Spiritus

Econtra textusEvangelium Ioannis ci ricorda che laddove c’è l’amore, come diceva Sant’Agostino, non ci può essere timore (cf Confessionum I,14): quando Gesù sta in mezzo alla comunità e dona lo Spirito, le porte del cenacolo cominciano ad aprirsi, non subito, certo, ma è l’inizio di un cammino.

Et Spiritus fructus, dicit nobisEvangelium Ioannis, è la capacità di perdonare: lo Spirito è pace.

Se non perdoniamo, tratteniamo presso di noi il male, il rancore, la rabbia. Perdonare vuol dire lasciar andare.

Liberatio est non solum illi qui ignoscitur, sed etiam apud eum qui ignoscit; Spiritus est ubi remissio.

Fallax

Spiritus est similis ventus (At 2,2) e come soffio (Gv 20,22), è inafferrabile. Ne sentiamo gli effetti, ma non possiamo né afferrarlo, né trattenerlo.

Spiritus ubi vult spirat, eum invocare possumus, Eum expectare, condiciones excipere, sed praesentia sua semper mirari nos.

In vita nostra eligere possumus sive praesentiam Spiritus invocare sive velle continuare poma in aliorum conviviis, quia non invitati sumus!

Lege intus

  • Sumne ego homo, qui communio- nem creo, aut qui discordias ?
  • Ubi possum agnoscere actionem Spiritus Sancti in me et circa me?

Comitas © Pater Caietanus Piccolo SJ

Vangelo del giorno
Evangelium diei
Nulla pax!
Loading
/

adiuva nos adiuva!

Non c’è pace! 5
Cum parva donatione tua risus iuvenibus cancer aegros afferimus

Articuli tardus

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
Die 14 Aprilis 2024
Oratio die 14 mensis Aprilis anno 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
Die 14 Aprilis 2024
Tam benignum et tam honestum videtur
Gesù e discepoli
Die 14 Aprilis 2024
Verbum 14 mensis Aprilis anno 2024

Upcoming Events