Legere tempus: 5 minutes

Lege et audi Caurabesul, qui in silvis clamavit

Ciao ragazzi, vi è mai capitato di vedere una persona e dire a primo impatto che è antipatica e poi diventate amici?

Ne dicas mendacium, quod omnibus accidit.

Primas vesperae huius caurabesul est sicut in aliis fabulis Valtellinae popularibus. Item dicitur caurabesula vel noctuam, ut quidam fabulosum hoc animal est, volucris, aliis fascinator caper: noctu silvas circumvagatur, terribilem sonitum faciens, quae a puero usque ad senem terret.

Il caurabesul che gridava nel bosco
Il caurabesul che gridava nel bosco 7

Lege mecum;

"Noli clamare, caurabesul excitare!"avia dixit puero antequam dormiat.
Caurabesul animal terribile erat quod nullum puerum in villa umquam viderat. Omnes tamen dicebant, quod formidolosus viderit; potest se transformare in avem, modo in noctuam, quandoque vespertilionem esse, aut cum vellet villam appropinquare, factus est hircus.
Mamma e papà non credevano a queste storie: tutti i nonni del villaggio, però, dicevano sempre ai nipotini:
"Si primus es, caurabesul vocabo!"et filii contremuerunt timore.
Una notte il bambino andò a letto con il cuore agitato. Tutti dormivano: mamma, papà, i nonni nella casa accanto, il cane.
Puer expergefactus circumspexit: erat tota obscura e la mamma non era ancora arrivata a dire “è mattina”. e silvis clamor.Clamor mirum: sonus animalis, non adustus ranae vel anatis.Sicut sonabat: furca stridens contra parietem domus, cacabus cadens, sella humi reptans.

“Il caurabesul!”, grida il bambino, “Mamma, il caurabesul!.

La mamma si svegliò e corse nella camera del bambino. "Nemo est, puer." "Caurabesula non est et silva tacet".

Il verso non si sentiva più. Mamma diede un bacio al bambino e tornò nella sua camera.
Interposito tempore, puer iterum clamorem insolitum audivit.
“Il caurabesul! Mamma, è tornato!”.
La mamma non sentiva …Era una notte d’estate e il papà aveva lasciato una finestra aperta.
Silva aliquot minuta iterum tacebat. Puer spiritum tenuit, et sub operculis incidit, apertis oculis.
Tunc clamor alarum plausus audiebatur: similis priori versui non ita magna.
Animal, ex alia fenestra, domum intravit et super lectum infantis consedit.
"Salvete, pueri," clamavit.
Puer unum oculum e sub lodicula aspiciebat.Tremens erat metu: caurabesul venerat!

Avis recte: avis erat, omnia caerulea, non vere magna, et paulo minus terribilia. Solus eius versus FORMIDULOSUS erat.
tremebat puer; tremuit etiam nova avis.

"Sai dov’è la mia mamma?”animal ad puerum.
"Per silvas volans perdidi, apertam fenestram vidi et hic esse putavi."

Puer respondere voluit, sed vox faucibus haesit.Avis dicere solebat filios Caurabesul rapere!Sed hic catulus erat nec tam minax videbatur.

"Perché non rispondi, bambino? Hai preso tu la mia mamma?“,dixit avicula.
Interea silvae vigilare videbantur, quia magnus strepitus erat: crassus ranarum, luporum luporum et aliorum stridentium procul.

Vox pueri tardius rediit.
“Com’è fatta la tua mamma, uccello?”
Catulus respondit;
"Modo me fecit, sed maior."

"Ave," prosequitur puer.
“Tu sei cattivo? La tua mamma è cattiva?”.
“La mia mamma non è cattiva!” gridò l’uccellino e saltò su tutte le furie. “Io non sono cattivo”.
“Uccello strano”, disse ancora il bambino. “La tua mamma rapisce i bambini?”.
Tempus autem, thecatulus arcanum animal etiam magis exterritus erat quam puer.
“Tu sei cattivo!” gridava, “la tua mamma è cattiva”.
ventus contra fenestram duriter verberavit. Erat alius strepitus, maximo, maximo. Avis maior per fenestram luctata est et super lectum infantis appulit.
Era mamma caurabesul ed era venuta e prendere il suo cucciolo.
"Catulus," inquit, "ad aviculas loquebatur, "Ubi fuisti? Pluries dixi vobis domos non intrabitis!”.
Puer tacebat.
“Andiamo a casa, cucciolo”, disse mamma caurabesul  al suo piccolo e poi, rivolta al bambino:

"Salve puer, a nice somnium et memento. Nolite solliciti esse in nocte cum clamorem meum audieritis. Exclamare debeo, quia sic catulus meus me audit et in silvis non perit".

Mamma caurabesul e il suo figlioletto volarono via dalla finestra. Il bambino gridò: “Mamma!”. La mamma si alzò dal letto e raggiunse la camera del bambino. “Che c’è ancora?”, disse sbadigliando.
“Mamma, ho scoperto che i caurabesul sono animali buoni”.
“Ah”, disse la mamma, facendo di sì con la testa. “Torna a dormire, ora”.

mamma legge la fiaba
SOMNI fabulas
Et clamor in silvis caurabesul
Loading
/

adiuva nos adiuva!

Il caurabesul che gridava nel bosco 5
Cum parva donatione tua risus iuvenibus cancer aegros afferimus

Articuli tardus

bimbo arrabbiato
15 Aprile 2024
Diventare pronto e lento
Gesù sul mare di Tiberiade
15 Aprile 2024
La Parola del 15 aprile 2024
credere in Dio
Die 14 Aprilis 2024
Oratio die 14 mensis Aprilis anno 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
Die 14 Aprilis 2024
Tam benignum et tam honestum videtur
Gesù e discepoli
Die 14 Aprilis 2024
Verbum 14 mensis Aprilis anno 2024

Upcoming Events