Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi e ascolta la fiaba de “il folletto col mal di schiena”

Curiosando

I folletti del bosco sono creature magiche che vivono tra le piante e gli animali. Si dice che siano molto schivi e timidi, ma anche curiosi e giocherelloni.

Alcuni li descrivono come piccoli esseri umani con le orecchie a punta e i capelli colorati, altri come animali parlanti o spiriti della natura. Non si sa molto di loro, perché preferiscono nascondersi agli occhi degli umani, ma si raccontano molte leggende e storie su di loro.

Alcuni credono che portino fortuna, altri che siano maliziosi e dispettosi. Quel che è certo è che i folletti del bosco amano la natura e la proteggono da chi vuole danneggiarla.

Leggiamo insieme

C’era una volta un folletto del bosco che si chiamava Fico. Fico era un folletto molto allegro e vivace, sempre pronto a fare scherzi e a divertirsi con gli altri abitanti della foresta. Un giorno, però, mentre stava saltando da un albero all’altro, Fico si fece male alla schiena e cadde a terra con un tonfo. “Ahi, ahi, ahi!” gridò Fico, sentendo un forte dolore. “Che cosa mi è successo?”.

Fico provò a rialzarsi, ma ogni movimento gli provocava una fitta lancinante. Si accorse che non riusciva più a piegarsi né a girarsi. Era diventato rigido come un palo. “Oh no!” esclamò Fico, disperato. “Come farò ora a giocare e a fare i miei scherzi? Sono rovinato!”

Fico iniziò a piangere e a lamentarsi, sperando che qualcuno lo sentisse e lo aiutasse. Ma nessuno venne, perché tutti erano impegnati nelle loro faccende o si erano nascosti per paura dei suoi scherzi. Fico si sentì solo e abbandonato. “Perché nessuno viene a soccorrermi?” si chiese Fico. “Forse perché sono stato troppo cattivo e antipatico con loro?”

Fico si pentì di aver fatto tanti dispetti agli altri animali e alle fate del bosco. Si rese conto che aveva bisogno di amici veri, che lo apprezzassero per quello che era e non per i suoi scherzi. Si ripromise che se fosse guarito, avrebbe cambiato il suo comportamento e sarebbe stato più gentile e generoso.

Mentre Fico rifletteva sul suo destino, sentì una voce dolce e melodiosa che lo chiamava. Era una fata, che si chiamava Lilla. Lilla era una fata buona e premurosa, che si occupava di curare le piante e gli animali malati. Lilla aveva visto Fico cadere dall’albero e si era preoccupata per lui. Era andata a cercarlo e lo aveva trovato disteso sul terreno.

“Ciao, Fico” disse Lilla, sorridendo. “Come stai? Ti sei fatto male?”

Fico rimase sorpreso di vedere Lilla. Non si aspettava che proprio lei venisse a soccorrerlo, visto che era stata una delle vittime preferite dei suoi scherzi. Fico si sentì in colpa e arrossì.

“Ciao, Lilla” rispose Fico, timidamente. “Sì, mi sono fatto male alla schiena e non riesco più a muovermi. Mi dispiace tanto per tutti i dispetti che ti ho fatto. Perdonami, ti prego.”

Lilla lo guardò con tenerezza e gli disse: “Non preoccuparti, Fico. Ti perdono volentieri. So che in fondo sei un bravo folletto, solo un po’ troppo vivace. Ti voglio aiutare a guarire.”

Lilla prese una boccetta dal suo grembiule e versò alcune gocce di un liquido verde sulla schiena di Fico. Poi iniziò a massaggiargliela delicatamente, cantando una canzone magica.

Fico sentì subito un sollievo e un calore piacevole che gli pervadeva il corpo. Il dolore sparì e la sua schiena tornò flessibile e agile come prima.

“Wow!” esclamò Fico, stupito. “Che cosa hai fatto? Mi hai guarito!”

Lilla rise e gli disse: “Ti ho dato una pozione di erbe magiche che ho preparato io stessa. È un rimedio naturale per il mal di schiena. Ti fa bene anche all’umore.”

Fico la ringraziò con gratitudine e le chiese: “Posso darti qualcosa in cambio del tuo aiuto?”

Lilla gli sorrise e gli disse: “Sì, c’è una cosa che puoi fare per me. Puoi essere mio amico?”

Fico si commosse e le disse: “Certo che sì! Mi piacerebbe molto essere tuo amico! Da oggi in poi, non ti farò più scherzi e ti tratterò con rispetto e affetto. E lo farò anche con gli altri abitanti del bosco. Ho capito che l’amicizia è più importante degli scherzi.”

Lilla e Fico si abbracciarono e si misero a ridere. Poi si alzarono e andarono a trovare gli altri animali e le altre fate, per scusarsi dei loro dispetti e per chiedere la loro amicizia. Tutti furono felici di riappacificarsi con Fico e di accoglierlo nella loro comunità.

Il folletto col mal di schiena 8
Il folletto col mal di schiena 13

E così Fico imparò la lezione e divenne un folletto buono e simpatico, che faceva divertire tutti con le sue storie e le sue battute, ma senza offendere o ferire nessuno. E visse felice e contento con i suoi nuovi amici, soprattutto con Lilla, che diventò la sua fidanzata.

Ascoltiamo insieme

mamma legge la fiaba
Le favole della buonanotte
Il folletto col mal di schiena
Loading
/

Aiutaci ad aiutare!

Il folletto col mal di schiena 11
Con una tua piccola donazione portiamo un sorriso a piccoli malati oncologici

Ultimi articoli

Eugenio e Nicola in palestra
12 Aprile 2024
Preghierina del 12 aprile 2024
moscerini al tramonto in un campo fiorito
12 Aprile 2024
Un’armonia mi suona nelle vene
persone camminano
12 Aprile 2024
Dammi tempo!
Pane spezzato
12 Aprile 2024
La Parola del 12 aprile 2024
panorama notturno mare
11 Aprile 2024
Preghierina del 11 aprile 2024

Eventi in programma

×