Temps de lecture : 6 minutes

Lire et écouter la Parole du 8 mai 2023

L'Église célèbre aujourd'hui : Bienheureuse Vierge Marie de Pompéi

Lundi de la cinquième semaine de Pâques

Première lecture

Vi annunciamo che dovete convertirvi da queste vanità al Dio vivente.

Extrait des Actes des Apôtres
Actes 14.5-18

En ces jours-là, à Iconium, il y eut une tentative des païens et des Juifs avec leurs chefs d'attaquer et de lapider Paul et Barnabas ; ils l'ont appris et se sont enfuis dans les villes de Lycaonie, Lystre et Derbe, et leurs environs, et là ils sont allés évangéliser.

Il y avait à Lystre un homme paralysé des jambes, infirme de naissance, qui n'avait jamais marché. Il écoutait Paul parler et ceux-ci, le fixant et voyant qu'il avait la foi qu'il était sauvé, dit à haute voix: «Lève-toi, tiens-toi debout!». Il a sauté et a commencé à marcher. Le peuple alors, voyant ce que Paul avait fait, se mit à crier en disant, en dialecte lycaonien : "Les dieux sont descendus parmi nous sous forme humaine !".

Et ils appelèrent Barnabas "Zeus" et Paul "Hermès", car c'était lui qui parlait.

Intanto il sacerdote di Zeus, il cui tempio era all’ingresso della città, recando alle porte tori e corone, voleva offrire un sacrificio insieme alla folla. Sentendo ciò, gli apostoli Bàrnaba e Paolo si strapparono le vesti e si precipitarono tra la folla, gridando: «Uomini, perché fate questo?

Anche noi siamo esseri umani, mortali come voi, e vi annunciamo che dovete convertirvi da queste vanità al Dio vivente, che ha fatto il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che in essi si trovano.

Egli, nelle generazioni passate, ha lasciato che tutte le genti seguissero la loro strada; ma non ha cessato di dar prova di sé beneficando, concedendovi dal cielo piogge per stagioni ricche di frutti e dandovi cibo in abbondanza per la letizia dei vostri cuori».

Et ce disant, ils réussirent difficilement à empêcher la foule de leur offrir un sacrifice.

Épée de Dieu.

Psaume responsorial
Du PS 113B (115)

R. Pas à nous, Seigneur, mais à ton nom donne gloire.

Pas à nous, Seigneur, pas à nous,
mais donne gloire à ton nom,
per il tuo amore, per la tua fedeltà.
Pourquoi les gens devraient dire :
«Dov’è il loro Dio?». R.

Il nostro Dio è nei cieli:
tout ce qu'il veut, il le fait.
Leurs idoles sont l'argent et l'or,
travail des mains humaines. R

Soyez bénis par le Seigneur,
Qui a fait le ciel et la terre.
Les cieux sont les cieux du Seigneur,
ma la terra l’ha data ai figli dell’uomo. R.

Acclamation à l'Évangile

Alléluia, alléluia.

Le Saint-Esprit vous apprendra tout,
dit le Seigneur,
et te rappellera tout ce que je t'ai dit. (Jn 14:26)

Alléluia.

Gospel

Lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome vi insegnerà ogni cosa.

La Parola del 8 maggio 2023
Paraclet spirituel

De l'Evangile selon Jean
Jn 14:21-26

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Judas, et non l'Iscariote, lui dit : « Seigneur, comment se fait-il que tu doives te révéler à nous et non au monde ?
Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Parole du Seigneur.

Siméon le Nouveau Théologien (vers 949-1022)

moine grec

Cantiques 52, SC 196

"Mon Père l'aimera, et nous viendrons à lui et ferons notre demeure avec lui"

Quando Paolo ti dice: “Dio che disse: Rifulga la luce dalle tenebre, lui che rifulse in me…” (cfr. 2 Co 4,6), quale altro Dio, dimmi, t’invita a conoscere se non quello stesso che abita la luce insostenibile e che nessun uomo ha mai visto ancora.

Poiché è lui che, prima soprannaturale e increato, ha preso carne e si è rivelato a me come creatura divinizzandomi interamente, me che egli ha assunto in modo mirabile. (…)

Quindi coloro che hanno accolto Dio grazie alle opere della fede ed hanno meritato il nome di dei, generati dallo Spirito, sì, lui stesso, loro lo vedono, lui loro Padre che non smette di abitare la luce inaccessibile; lo hanno in loro stessi, in casa, e loro stessi abitano in lui, l’assolutamente inaccessibile.

Ecco la vera fede, l’opera di Dio, ecco il sigillo dei cristiani, la comunione con Dio, ecco la partecipazione, la caparra divina, ecco in cosa consiste la vita, il Regno, ecco il vestito del Signore che i battezzati rivestono per la fede, e non senza saperlo, te lo dico, né inconsciamente, ma grazie alla fede con consapevolezza e coscienza. (…)

Una volta divenuto totalmente quanto ho appena detto, vieni e resta con noi, fratello mio, sulla montagna della conoscenza divina, della contemplazione divina, ed insieme ascolteremo la voce del Padre!

PAROLES DU SAINT PERE

In che cosa consiste la missione dello Spirito Santo che Gesù promette in dono? Lo dice Lui stesso: «Egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Nel corso della sua vita terrena, Gesù ha già trasmesso tutto quanto voleva affidare agli Apostoli: ha portato a compimento la Rivelazione divina, cioè tutto ciò che il Padre voleva dire all’umanità con l’incarnazione del Figlio. Il compito dello Spirito Santo è quello di far ricordare, cioè far comprendere in pienezza e indurre ad attuare concretamente gli insegnamenti di Gesù.

E proprio questa è anche la missione della Chiesa, che la realizza attraverso un preciso stile di vita, caratterizzato da alcune esigenze: la fede nel Signore e l’osservanza della sua Parola; la docilità all’azione dello Spirito, che rende continuamente vivo e presente il Signore Risorto; l’accoglienza della sua pace e la testimonianza resa ad essa con un atteggiamento di apertura e di incontro con l’altro. (Régina Caeli, 26 mai 2019)

Il Vangelo del giorno
L'Evangile du jour
La Parole du 8 mai 2023
Loading
/

Aidez-nous à aider !

La Parola del 8 maggio 2023 5
Avec votre petit don, nous apportons le sourire aux jeunes patients atteints de cancer

PrécédentProchain article

Lire: