Temps de lecture : 6 minutes

Lire et écouter l'Évangile et la Parole du 28 février 2024

Mercredi de la deuxième semaine du Carême

Première lecture

Venez et frappons le bon.

Extrait du livre du prophète Jérémie
Jr 18,18-20
 
[Les ennemis du prophète] dirent : « Venez comploter contre Jérémie, car la loi ne fera défaut aux prêtres, ni le conseil des sages, ni la parole des prophètes. Allons, gênons-le quand il parle, ne prêtons pas attention à toutes ses paroles. »

Écoute-moi, Seigneur,
et vous entendez la voix de ceux qui discutent avec moi.
Est-ce que cela transforme peut-être le mal en bien ?
Ils ont creusé une tombe pour moi.

Tu te souviens quand je me suis présenté à toi,
parler en leur nom,
pour détourner d'eux votre colère.

Épée de Dieu.

Psaume responsorial

À partir de Ps 30 (31)

R. Sauve-moi, Seigneur, pour ta miséricorde.

Détache-moi du piège qu'ils m'ont tendu,
parce que tu es ma défense.
Entre tes mains je confie mon esprit ;
tu m'as racheté, Seigneur, Dieu fidèle. R.
 
J'écoute les calomnies de beaucoup: «Terreur partout!»,
quand ils conspirent ensemble contre moi,
ils complotent pour me prendre la vie. R.
 
Mais j'ai confiance en toi, Seigneur;
Je dis : "Tu es mon Dieu,
mes jours sont entre tes mains.
Délivre-moi de la main de mes ennemis
et de mes persécuteurs. R

Acclamation à l'Évangile

Louange et honneur à toi, Seigneur Jésus.
 
Je suis la lumière du monde, dit le Seigneur ;
celui qui me suit aura la lumière de la vie. (Cf. Jn 8,12)
 
Louange et honneur à toi, Seigneur Jésus.

L'Évangile du 28 février 2024

Ils le condamneront à mort.

Extrait de l'Evangile selon Matthieu
Mt 20,17-28
 
In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».

Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno».

Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».

Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Parole du Seigneur.

Saint Augustin (354-430)

évêque d'Hippone (Afrique du Nord) et docteur de l'Église

Discours sur les Psaumes, Ps 121 (Nouvelle Bibliothèque Augustinienne, rév.)

« Voici, nous montons à Jérusalem »

Nei “salmi dei gradini” il salmista aspira a Gerusalemme e dice che vuol salire. Ma dove? Vuol forse salire per trovarsi un posto accanto al sole, alla luna e alle stelle? No certamente. [Se desidera ascendere in cielo] è perché nel cielo c’è l’eterna Gerusalemme dove abitano quei nostri concittadini che sono gli angeli (Eb 12,22), dai quali noi ora ci troviamo lontani perché esuli in terra.

Nell’esilio sospiriamo, nella patria godremo. Già durante il viaggio, incontriamo dei compagni che, avendo visto la patria, ci invitano a correre verso di lei. Cantano col salmista: “Mi son rallegrato in [mezzo a] coloro che mi dicevano: Andremo nella casa del Signore” (Sal 121,1)…. Andremo nella casa del Signore! Ebbene, corriamo! Corriamo perché andremo nella casa del Signore. Corriamo perché tale corsa non stanca; [corriamo] perché arriveremo a una meta dove non esiste stanchezza. Corriamo alla casa del Signore, e la nostra anima gioisca per coloro che ci ripetono queste parole.

Coloro che ce le riferiscono hanno visto prima di noi la patria e, da lontano, a noi che li seguiamo, gridano: “Andremo nella casa del Signore. Camminate, correte!” L’hanno vista gli Apostoli e ci hanno detto: “Correte, spicciatevi, seguiteci! Andremo nella casa del Signore!”. E ciascuno di noi cosa dice? “Mi son rallegrato per coloro che mi dicevano: Andremo nella casa del Signore”.

Je me suis réjoui en compagnie des prophètes et des apôtres. En effet, tous nous disaient : « Allons à la maison du Seigneur ».

PAROLES DU SAINT PERE

«Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso» (vv. 18-19). Non è soltanto una sentenza di morte: c’è di più.

C’è l’umiliazione, c’è l’accanimento. E quando c’è accanimento nella persecuzione di un cristiano, di una persona, c’è il demonio. Il demonio ha due stili: la seduzione, con le promesse mondane, come ha voluto fare con Gesù nel deserto, sedurlo e con la seduzione fargli cambiare il piano della redenzione; e, se questo non va, l’accanimento.

Non ha mezzi termini, il demonio. La sua superbia è così grande che cerca di distruggere, e distruggere godendo della distruzione con l’accanimento. […] Che il Signore ci dia la grazia di saper discernere quando c’è lo spirito che vuole distruggerci con l’accanimento, e quando lo stesso spirito vuole consolarci con le apparenze del mondo, con la vanità.

Ma non dimentichiamo: quando c’è accanimento, c’è l’odio, la vendetta del diavolo sconfitto. È così fino a oggi, nella Chiesa. Pensiamo a tanti cristiani, come sono crudelmente perseguitati.

[…] Que le Seigneur nous donne la grâce de discerner le chemin du Seigneur, qui est la Croix, du chemin du monde, qui est vanité, apparence, maquillage. (Homélie de Sainte Marthe, 11 mars 2020)
Vangelo del giorno
L'Evangile du jour
La Parole du 28 février 2024
Loading
/

Faites don de vos 5x1000 à notre association
Cela ne vous coûte rien, cela vaut beaucoup pour nous !
Aidez-nous à aider les petits patients atteints de cancer
vous écrivez:93118920615

Derniers articles

mamma e bimba nel giardino
17 avril 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
17 avril 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo
la misericordia di Dio
17 avril 2024
Ecco com’è davvero la misericordia…
Udienza Generale del 17 aprile 2024
17 avril 2024
Audience générale du 17 avril 2024
Eucaristia
17 avril 2024
La Parole du 17 avril 2024

Évènements à venir

×