Temps de lecture : 5 minutes

Lire et écouter l'Evangile et la Parole du 14 juin 2023

Mercredi de la 10ème semaine de vacances du Temps Ordinaire

Première lecture

Il nous a rendus capables d'être ministres d'une Nouvelle Alliance, non de la lettre, mais de l'Esprit.

Extrait de la deuxième lettre de Saint Paul Apôtre aux Corinthiens
2 Cor 3:4-11

Fratelli, proprio questa è la fiducia che abbiamo per mezzo di Cristo, davanti a Dio. Non che da noi stessi siamo capaci di pensare qualcosa come proveniente da noi, ma la nostra capacità viene da Dio, il quale anche ci ha resi capaci di essere ministri di una nuova alleanza, non della lettera, ma dello Spirito; perché la lettera uccide, lo Spirito invece dà vita. 

Se il ministero della morte, inciso in lettere su pietre, fu avvolto di gloria al punto che i figli d’Israele non potevano fissare il volto di Mosè a causa dello splendore effimero del suo volto, quanto più sarà glorioso il ministero dello Spirito?

 Se già il ministero che porta alla condanna fu glorioso, molto di più abbonda di gloria il ministero che porta alla giustizia. Anzi, ciò che fu glorioso sotto quell’aspetto, non lo è più, a causa di questa gloria incomparabile.
Si donc ce qui était éphémère était glorieux, à plus forte raison ce qui est durable.

Épée de Dieu.
 

Psaume responsorial
Extrait du Psaume 98 (99)

R. Tu sei santo, Signore, nostro Dio.

Esaltate il Signore, nostro Dio,
se prosterner devant son marchepied.
Il est saint ! R
 
Moïse et Aaron parmi ses prêtres,
Samuel parmi ceux qui ont invoqué son nom :
ils invoquèrent le Seigneur et il répondit. R
 
Il leur parla d'une colonne de nuages ​​:
ils ont gardé ses enseignements
et le précepte qu'il leur avait donné. R
 
Signore, nostro Dio, tu li esaudivi,
eri per loro un Dio che perdona,
tout en punissant leurs péchés. R
 
Esaltate il Signore, nostro Dio,
prosternez-vous devant sa sainte montagne,
perché santo è il Signore, nostro Dio! R.
 

Acclamation à l'Évangile

Alléluia, alléluia.

Insegnami, mio Dio, i tuoi sentieri,
guide-moi dans ta fidélité et instruis-moi. (Ps 24 (25), 4b.5a)

Alléluia.

L'évangile du 14 juin 2023

Je ne suis pas venu abolir, mais donner plein accomplissement.

La Parola del 14 giugno 2023
La Parole du 14 juin 2023 3

Extrait de l'Evangile selon Matthieu
Mt 5:17-19
 
A cette époque, Jésus dit à ses disciples :
« Ne pensez pas que je sois venu abolir la Loi ou les Prophètes ; Je ne suis pas venu abolir, mais donner plein accomplissement.

En vérité, je vous le dis : tant que le ciel et la terre n'auront pas passé, pas un seul iota ni un seul trait de la Loi ne passera, sans que tout soit arrivé.

Celui qui transgresse donc un seul de ces préceptes minimaux et enseigne aux autres à faire de même, sera considéré comme le plus petit dans le royaume des cieux. Mais quiconque les observe et les enseigne sera considéré comme grand dans le royaume des cieux."

Parole du Seigneur.

Saint Jérôme (347-420)

sacerdote, traduttore della Bibbia, dottore della Chiesa

Homélies sur l'évangile de Marc, 9, 8 ; SC 494 (trad. cb© evangelizo)

Christ, accomplissement de la Loi et des prophètes

Quando leggo il Vangelo e vi incontro testimonianze tratte dalla Legge o dai profeti, considero solo Cristo.

Se ho letto di Mosè, se ho letto i profeti, era solo per capire ciò che dicono riguardo a Cristo. Poiché, quando arrivo allo splendore di Cristo e la sua luce, abbagliante quanto il sole, splende ai miei occhi, non posso più vedere la luce di una lampada.

Se una lampada viene accesa in pieno giorno, forse fa luce? Quando sorge il sole, la luce della lampada svanisce. Così quando si gode della presenza di Cristo, la Legge e i profeti scompaiono. Non voglio togliere nulla alla gloria della Legge e dei profeti; al contrario, li lodo per essere stati annunciatori di Cristo.

Ma, quando leggo la Legge e i profeti, il mio scopo non è di fermarmi alla Legge e ai profeti, piuttosto, per mezzo della Legge e dei profeti, di giungere a Cristo.

PAROLES DU SAINT PERE

Nel Vangelo della liturgia odierna Gesù dice: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento» (Mt 5,17).

Dare compimento: questa è una parola-chiave per capire Gesù e il suo messaggio. Ma che cosa significa questo “dare compimento”? Per spiegarla, il Signore comincia a dire che cosa non è compimento.

La Scrittura dice di “non uccidere”, ma questo per Gesù non basta se poi si feriscono i fratelli con le parole; la Scrittura dice di “non commettere adulterio”, ma ciò non basta se poi si vive un amore sporcato da doppiezze e falsità; la Scrittura dice di “non giurare il falso”, ma non basta fare un solenne giuramento se poi si agisce con ipocrisia (cfr Mt 5,21-37). Così non c’è compimento. […]

In altre parole, Gesù ci fa capire che le norme religiose servono, sono buone, ma sono solo l’inizio: per dare loro compimento è necessario andare oltre la lettera e viverne il senso. I comandamenti che Dio ci ha donato non vanno rinchiusi nelle casseforti […] dell’osservanza formale, se no rimaniamo in una religiosità esteriore e distaccata, servi di un “dio padrone” piuttosto che figli di Dio Padre.

Gesù vuole questo: non avere l’idea di servire un Dio padrone, ma il Padre; e per questo è necessario andare oltre la lettera. (Angélus, 12 février 2023)

Vangelo del giorno
L'Evangile du jour
La Parole du 14 juin 2023
Loading
/

Faites don de vos 5x1000 à notre association
Cela ne vous coûte rien, cela vaut beaucoup pour nous !
Aidez-nous à aider les petits patients atteints de cancer
vous écrivez:93118920615

Derniers articles

pecore e capre
21 Aprile 2024
La Parola del 21 aprile 2024
kitten, cat, pet, gattino, gatto
20 avril 2024
Le chat sans les bottes
pregare il Rosario
20 avril 2024
Choisissez de prier
libro del Vangelo
20 avril 2024
La Parole du 20 avril 2024
rana, animale, frog
19 avril 2024
La grenouille à grande gueule

Évènements à venir

×