Tiempo de lectura: 5 minutos

Lee y escucha la Palabra del 10 de mayo de 2023

Miércoles de la quinta semana de Pascua

Primera lectura

Se dispuso que subieran a Jerusalén a los apóstoles y ancianos por este asunto.

De los Hechos de los Apóstoles
Hechos 15:1-6

En aquellos días, algunos que venían [a Antioquía] de Judea enseñaban a sus hermanos: "Si no os circuncidáis según la costumbre de Moisés, no podréis salvaros".

Poiché Paolo e Bàrnaba dissentivano e discutevano animatamente contro costoro, fu stabilito che Paolo e Barnaba e alcuni altri di loro salissero a Gerusalemme dagli apostoli e dagli anziani per tale questione. Essi dunque, provveduti del necessario dalla Chiesa, attraversarono la Fenìcia e la Samarìa, raccontando la conversione dei pagani e suscitando grande gioia in tutti i fratelli.

Giunti poi a Gerusalemme, furono ricevuti dalla Chiesa, dagli apostoli e dagli anziani, e riferirono quali grandi cose Dio aveva compiuto per mezzo loro.

Ma si alzarono alcuni della setta dei farisei, che erano diventati credenti, affermando: «È necessario circonciderli e ordinare loro di osservare la legge di Mosè».
Entonces los apóstoles y los ancianos se reunieron para examinar este problema.

Espada de Dios.

Salmo responsorial
Desde $ 121 (122)

R. Iremos con alegría a la casa del Señor.

Que alegría, cuando me dijeron:
«¡Iremos a la casa del Señor!».
Nuestros pies ya están firmes
a tus puertas, Jerusalén! r

Jerusalén está construida
como una ciudad unida y compacta.
Es allí donde ascienden las tribus,
las tribus del Señor. r

Allí están los tronos del juicio,
los tronos de la casa de David.
Pide paz para Jerusalén:
deja que los que te aman vivan seguros. r

aclamación del evangelio

Aleluya, aleluya.

Permaneced en mí y yo en vosotros, dice el Señor;
el que permanece en mí, lleva mucho fruto. (Jn 15,4a.5b)

Aleluya.

Evangelio

El que permanece en mí, y yo en él, lleva mucho fruto.

La Parola del 10 maggio 2023
La Parola del 10 maggio 2023 3

Del Evangelio según Juan
Juan 15:1-8

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.

El que no permanece en mí es desechado como una rama y se seca; luego lo recogen, lo echan al fuego y lo queman.

Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Palabra del Señor.

Beato Columba Marmion (1858-1923)

abad

El espíritu de abandono

"Separados de mí nada podéis hacer" (Jn 15,5)

La nostra santità è di ordine essenzialmente soprannaturale. Tutti gli sforzi uniti della natura non possono produrre un atto soprannaturale, un atto che sia in qualche modo proporzionato al nostro fine, che è la visione beatificante dell’adorabile Trinità. (…)

Ma Dio, compie tutte le sue opere con infinita sapienza, ci ha dato nella grazia il mezzo per realizzare in noi i suoi disegni divini. Senza la grazia – grazia che viene da Dio – siamo incapaci di fare alcunché per arrivare al fine soprannaturale; S. Paolo ci dice che senza di lei non possiamo avere un buon pensiero che ci sia contato come degno dell’eterna beatitudine (cfr 2Co, 3,5).

E’ l’eco della parola di Cristo: “Senza di me non potete far nulla” (Gv 15,5), non potete raggiungere il fine supremo; non potete diventare sdanti. Gesù Cristo stesso ha commentato questa verità: ci ha detto che lui è la vigna e noi i tralci; per produrre frutti, bisogna che gli restiamo uniti con la grazia affinché, prendendo da lui la linfa soprannaturale, possiamo riportare al Padre frutti graditi.

Da ciò vedete la necessità che l’anima non si allontani da Dio, fonte della grazia senza la quale non possiamo nulla. Piuttosto, noi dobbiamo donarci senza riserve a lui, poiché “con questa grazia possiamo tutto” (…).

Non c’è opera retta, pur banale o ordinaria sia, che, fatta sotto l’ispirazione della grazia, non possa contribuire a farci pervenire a questa esaltazione suprema che è la visione beatifica; poiché “tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, che sono stati chiamati secondo il suo disegno” (Rm 8,28).

PALABRAS DEL SANTO PADRE

Se uno è intimamente unito a Gesù, gode dei doni dello Spirito Santo, che – come ci dice san Paolo – sono «amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé» (Galón5.22).

Questi sono i doni che ci vengono se noi rimaniamo uniti a Gesù; e di conseguenza una persona che è così unita a Lui fa tanto bene al prossimo e alla società, è una persona cristiana.

Da questi atteggiamenti, infatti, si riconosce se uno è un vero cristiano, come dai frutti si riconosce l’albero.

I frutti di questa unione profonda con Gesù sono meravigliosi: tutta la nostra persona viene trasformata dalla grazia dello Spirito: anima, intelligenza, volontà, affetti, e anche il corpo, perché noi siamo unità di spirito e corpo.

Riceviamo un nuovo modo di essere, la vita di Cristo diventa nostra: possiamo pensare come Lui, agire come Lui, vedere il mondo e le cose con gli occhi di Gesù.

En consecuencia, podemos amar a nuestros hermanos y hermanas, comenzando por los más pobres y sufrientes, como lo hizo él, y amarlos con el corazón y llevar así al mundo frutos de bondad, caridad y paz. (Regina caeli, 3 de mayo de 2015)

Vangelo del giorno
El evangelio del día.
La Palabra del 10 de mayo de 2023
Loading
/ /

Dona tu 5x1000 a nuestra asociación
¡No te cuesta nada, vale mucho para nosotros!
Ayúdanos a ayudar a los pequeños pacientes con cáncer.
usted escribe:93118920615

Últimos artículos

Udienza Generale del 17 aprile 2024
17 de abril de 2024
Udienza generale del 17 aprile 2024
Eucaristia
17 de abril de 2024
La Palabra del 17 de abril de 2024
croce su vetro appannato
16 de abril de 2024
Oración del 16 de abril de 2024
madre e figlio
16 de abril de 2024
ruega a mi madre
sole
16 de abril de 2024
Nuevas compasiones

Próximos Eventos

×