Reading time: 6 minutes

Read and listen to the Gospel and the Word of June 24, 2023

Nativity of St. John the Baptist, solemnity

First Reading

I will make you light to the nations.

From the book of the prophet Isaiah
Is 49,1-6

Listen to me, islands,
listen carefully, distant nations;
the Lord from the womb called me,
up from my mother's womb she spoke my name.

He made my mouth like a sharp sword,
mi ha nascosto all’ombra della sua mano,
made me sharp arrow,
he placed me in his quiver.

He said to me: "You are my servant, Israel,
on which I will manifest my glory."
I replied: "In vain I toiled,
for nothing and in vain have I spent my strength.

But surely my right is with the Lord,
la mia ricompensa presso il mio Dio».

Now the Lord has spoken,
who made me his servant from the mother's womb
to bring Jacob back to him
and to him to gather Israel

– for I was honored by the Lord
e Dio era stato la mia forza –

and said: «It is too little for you to be my servant
to restore the tribes of Jacob
and bring back the survivors of Israel.
I will make you the light of the nations,
because you bring my salvation
to the ends of the earth."

God's word.

Responsorial Psalm
From Ps 138 (139)

R. I thank you: you have made me a stupendous marvel.

Lord, you search me and you know me,
you know when I sit down and when I get up,
you mean my thoughts from afar,
you observe my path and my rest,
all my ways are known to you. R.
 
You are the one who formed my kidneys
and you wove me in my mother's womb.
I thank you:
you made me a wonderful wonder. R.
 
Wonderful are your works,
my soul fully recognizes them.
My bones weren't hidden from you
when I was formed in secret,
embroidered in the depths of the earth. R.

Second Reading

Giovanni aveva preparato la venuta di Cristo.

From the Acts of the Apostles
Acts 13:22-26

In those days, [in the synagogue of Antiòchia di Pisidia,] Paul said:
«Dio suscitò per i nostri padri Davide come re, al quale rese questa testimonianza: “Ho trovato Davide, figlio di Iesse, uomo secondo il mio cuore; egli adempirà tutti i miei voleri”.

Dalla discendenza di lui, secondo la promessa, Dio inviò, come salvatore per Israele, Gesù. Giovanni aveva preparato la sua venuta predicando un battesimo di conversione a tutto il popolo d’Israele.

John said at the end of his mission: "I am not what you think! But behold, one is coming after me, whose sandals I am not worthy to unlace."

Fratelli, figli della stirpe di Abramo, e quanti fra voi siete timorati di Dio, a noi è stata mandata la parola di questa salvezza».

God's word.

Gospel acclamation

Hallelujah, hallelujah.

You, child, will be called a prophet of the Most High
because you will go before the Lord to prepare the way for him. (Luke 1.76)

Alleluia.

The Gospel of June 24, 2023

John is his name.

La Parola del 24 giugno 2023
Elizabeth, Zacharias and little John

From the Gospel according to Luke
Luke 1.57-66.80

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.

Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni».

They said to her, "There is none of your kinship called by this name."

Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse.

Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.

Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?».

E davvero la mano del Signore era con lui.

The child grew up and was strengthened in spirit. He lived in desert regions until the day of his manifestation to Israel.

Word of the Lord.

St. Augustine (354-430)

vescovo d’Ippona (Africa del Nord) e dottore della Chiesa

Speech 289, 3rd for the birth of John the Baptist (Nuova Biblioteca Agostiniana, rev.)

"He must increase and I must decrease" (Jn 3:30)

Il più grande degli uomini fu inviato a rendere testimonianza a Colui che era più che uomo.

Infatti, poiché Giovanni, più grande del quale nessuno è sorto tra i nati di donna (cfr Mt 11,11), afferma: “Io non sono il Cristo” (Gv 1,20), e si riconosce inferiore a Cristo, si deve pensare che in Cristo c’è qualcosa di più che l’uomo. …

“Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto” (Jv 1,16). Che vuol dire “noi tutti”?

I Patriarchi, quindi, e i Profeti e i santi Apostoli, o mandati prima dell’incarnazione o inviati da lui, incarnato, “noi tutti abbiamo ricevuto dalla sua pienezza”. Noi siamo i vasi, egli è la sorgente. Perciò, fratelli miei, … Giovanni è uomo, Cristo è Dio: si umili l’uomo e sia glorificato Dio.

Affinché l’uomo sia umile, Giovanni è nato nel giorno in cui comincia a ridursi la durata della luce solare. Al fine della gloria di Dio, Cristo è nato nel giorno in cui la luce solare va crescendo in durata. Grande mistero.

Ecco perché celebriamo il Natale di Giovanni, come quello di Cristo, in quanto questa nascita è piena di mistero. Di quale mistero?

Del mistero della nostra elevazione. Nell’uomo rendiamoci piccoli, in Dio eleviamoci. Per essere esaltati in lui, quanto a noi, vediamo di essere umili.

WORDS OF THE HOLY FATHER

Tutto l’avvenimento della nascita di Giovanni Battista è circondato da un gioioso senso di stupore, di sorpresa e di gratitudine. Stupore, sorpresa, gratitudine.

La gente è presa da un santo timore di Dio «e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose» (v. 65). Fratelli e sorelle, il popolo fedele intuisce che è accaduto qualcosa di grande, anche se umile e nascosto, e si domanda: «Che sarà mai questo bambino?» (v. 66).

Il popolo fedele di Dio è capace di vivere la fede con gioia, con senso di stupore, di sorpresa e di gratitudine. […] Domandiamoci, ognuno di noi, in un esame di coscienza: Come è la mia fede? E’ gioiosa? E’ aperta alle sorprese di Dio?

Perché Dio è il Dio delle sorprese.

Ho “assaggiato” nell’anima quel senso dello stupore che dà la presenza di Dio, quel senso di gratitudine? Pensiamo a queste parole, che sono stati d’animo della fede: gioia, senso di stupore, senso di sorpresa e gratitudine. (Angelus, June 24, 2018)

vetrata di chiesa, Battesimo di Gesù, Giovanni Battista
The Word of June 24, 2023 4
Vangelo del giorno
Il Vangelo del giorno
The Word of June 24, 2023
Loading
/

Donate your 5x1000 to our association
It doesn't cost you anything, it's worth a lot to us!
Help us help small cancer patients
you write:93118920615

Latest articles

dare, porgere fiori
18 Aprile 2024
Creato per amare gli altri
cross, crucifix, chalice, eucaristia
18 Aprile 2024
La Parola del 18 aprile 2024
il pane di vita
April 17, 2024
Preghierina del 17 aprile 2024
mamma e bimba nel giardino
April 17, 2024
Edoardo ascolta i fiori
action, adult, athlete, disabili che giocano
April 17, 2024
Disabilità: via libera ultimo decreto attuativo

Upcoming events

×