Reading time: 5 minutes

I did what I had to do! When fairness is not yet love

Commentary on the Gospel of 17 September 2023

Twenty-fourth Sunday of OT year A

Se ti rallegri quando sei perdonato,
you must fear when you do not forgive

Saint Augustine, Discourse 114/A, 2
Ho fatto quello che dovevo fare!
I did what I had to do! 3

A new word

Intorno al IV-V secolo d.C., un certo Romulus si trovò a tradurre dal greco in latino una favola di Esopo, nella quale si raccontava di un tale, condannato a morte, al quale era stata condonata la pena: come tradurre quel dono della vita che interrompeva il corso ordinario della giustizia? Si poteva parlare semplicemente di un dono?

Romulus si rese conto di trovarsi davanti a un dono eccezionale, straordinario, che non poteva essere equiparato a qualunque altro dono. Per questo coniò per la prima volta la parola ‘perdono’. Fin dall’inizio, quindi, il termine ‘perdono’ nasce per indicare qualcosa che va oltre la giustizia o il rispetto delle regole.

Forgiveness is such if it is undeserved:avrei dovuto morire e invece mi ritrovo salvato. L’origine del termine chiarisce anche perché nel perdono sia implicito il dono di una nuova possibilità di vita: si tratta veramente di ridonare la vita.

But this does not only apply to those who receive forgiveness: forgiveness also gives life back to me who offers it, because it frees me from the resentment that kills.

Serve together

Capiamo allora perché sia così difficile trovarsi veramente davanti a un’esperienza di perdono, eppure la parabola che Gesù racconta in questi versetti del Vangelo di Matteo ci spiega anche perché la comunità, qualunque essa sia, può sopravvivere solo se si confronta continuamente con l’esigenza del perdono.

Interpersonal relationships, however, die when we no longer forgive each other. We continually need to understand the other to give him a new chance.

Non a caso, Matteo usa un termine originale per indicare i compagni protagonisti della vicenda, non solo i due servi indebitati, ma anche gli altri spettatori della scena, sono chiamati serve-together, with a single term, to indicate our common identity as people at the service of life, people inextricably linked to each other.

When forgiveness is lacking, a vital bond is broken: we are no longer together as we should be.

In conscience

Pietro, che pone la domanda iniziale e che dà a Gesù l’occasione di raccontare la parabola, rappresenta la voce della coscienza, la coscienza che vuole sentirsi a posto, che non vuole essere messa continuamente in discussione.

Pietro vuole quantificare l’amore, vuole un limite alla misericordia, vuole una misura che gli permetta di sentirsi giusto. Ad un certo punto vorrebbe dire: «Enough! I did what I had to do!".

Jesus instead teaches him that forgiveness has no measure, precisely because there is never a moment in which we stop needing to forgive each other.

I remember

Life is continually a call for forgiveness.

Ma questa forza di perdonare la possiamo ritrovare solo se facciamo memoria di tutte le volte che noi stessi, nel segreto, siamo stati perdonati dal Padre nostro.

Everyone knows in their heart what a great debt they have been forgiven.

Al primo servo della parabola infatti viene condonato un debito altissimo: diecimila talenti! Pensiamo solo al fatto che un talento equivaleva a 25Kg d’argento e che nella parabola dei talenti al primo servo vengono affidati cinque talenti.

On the contrary, the second servant contracted a debt that was not particularly large: one hundred denarii, just over three months of work, given that one denarius was the average salary for a day's work.

A risk

Il servo perdonato, ma incapace di misericordia, non conosce la pazienza di cui egli stesso ha goduto. Non sa aspettare il cambiamento del suo fratello, non sa dare tempo, non sa offrire una nuova possibilità.

Forgiveness is always a risk: we never know if the other will welcome it, if he will make good use of it, if he will be able to reciprocate, but all this no longer concerns the one who offers forgiveness. Forgiveness is such precisely when it is totally free.

Forgiveness is inevitably a risk! If forgiveness becomes calculation, then it can no longer be called that.

In the community

The parable told by Jesus also highlights that forgiveness is not just a personal matter, but affects the community.

Gesù vuole aiutare a riflettere sulle relazioni all’interno della comunità: gli altri servi che vedono la scena non restano indifferenti davanti all’ingiustizia, ma pregano il padrone affinché possa rimettersi in moto il processo della misericordia. Chi non è capace di perdonare distrugge la vita della comunità.

Today we realize even more how the lack of mercy, replaced by judgment and criticism, is destroying the social fabric.

But unfortunately this happens when we begin to forget, when we only know how to see the other's mistake and we no longer remember how many times we ourselves should have died and instead find ourselves still alive.

Read inside

  • Are you able to remember all the times you have been forgiven?
  • Are you willing to understand those who made mistakes and give them time to change?

Courtesy © ♥ Father Gaetano Piccolo SJ

Let's listen together

Vangelo del giorno
The Gospel of the day
I did what I had to do!
Loading
/

Donate your 5x1000 to our association
It doesn't cost you anything, it's worth a lot to us!
Help us help small cancer patients
you write:93118920615

Latest articles

pecore e capre
21 Aprile 2024
La Parola del 21 aprile 2024
kitten, cat, pet, gattino, gatto
April 20, 2024
The cat without the boots
pregare il Rosario
April 20, 2024
Choose to pray
libro del Vangelo
April 20, 2024
The Word of April 20, 2024
rana, animale, frog
April 19, 2024
The wide-mouthed frog

Upcoming events

×