Lesezeit: 5 Minuten

Stutz mir nicht die Flügel! Wahre Liebe bringt dich zum Fliegen

Kommentar zum Evangelium vom 4. Juni 2023

Heilige Dreifaltigkeit – Jahr A

Ex 34,4-6.8-9 Dn 3,52-56 2Kor 13,11-13 Joh 3,16-18

Che cosa dunque diremo di Dio, fratelli?
Se infatti ciò che vuoi dire lo hai capito, non è Dio.
Wenn Sie es herausfinden könnten,
hai compreso una realtà diversa da quella di Dio.
Wenn Sie glauben, Sie hätten es verstehen können,
Du hast dich aufgrund deiner Fantasie selbst getäuscht

Sankt Augustin.Rede52,vi,16
Non tarparmi le ali - Commento al Vangelo del 4 giugno 2023
Stutz mir nicht die Flügel! 3

Die Erfahrung der Liebe

Quando siamo innamorati, quando siamo coinvolti affettivamente in una relazione, quando ci dedichiamo con passione a un progetto per qualcosa di buono, quando ci mettiamo a servizio degli altri con generosità, avvertiamo una crescita interiore, ci sentiamo realizzati. È proprio la dinamica dell’amore: quando lo viviamo, portiamo un po’ di più a compimento quello che siamo.

Se proviamo a immaginare, senza poterlo comprendere fino in fondo, cosa sarebbe questa realizzazione nell’amore, portata alla sua pienezza, possiamo intuire qualcosa di Dio e del cammino che desidera per noi. Amando, diventiamo sempre più simili all’Amore. Al contrario, più diamo spazio alla cattiveria, al rancore, al disprezzo, alla menzogna, tanto più ci allontaniamo dall’immagine di Dio in noi.

Diesen Weg des Menschen zum Göttlichen hatte auch Platon erahnt, der ihn auf seine Weise zum Ausdruck bringtPhädros con una bella immagine: l’amore mette le ali all’amato, perché fa sperimentare all’anima qualcosa del divino.

Auf dem halben Weg treffen

I testi della liturgia di questa domenica declinano i tratti dell’amore, mostrandoci il desiderio di Dio per noi: quello di farci sentire pienamente amati.

L’amore è un venirsi incontro e lasciarsi trasformare. Nel testo dell’Esodo che ci viene proposto infatti viene descritto un diverso movimento di Mosè e di Dio: Mosè steht auf und geht hinauf (Es 34,4), al contrario Dio, dice il testo, kam herunter (Es 34,5). Le relazioni spesso si spezzano perché si va in direzioni opposte, non ci si guarda, non si tiene conto dell’altro.

Ci si ama quando si fa lo sforzo di cambiare persino la propria direzione pur di andare incontro all’altro. Mosè ha in mano due tavole di pietra, dure come la cervice del popolo (cf Es 34,9), Dio invece perdona e fa di noi la sua eredità. L’amore infatti trasforma: quando ci si vuole bene, quando si sta insieme con il cuore, non si può non cambiare.

Das Leben als Segen

Il segno dell’amore è la gratitudine: quando ami, anche le difficoltà ti sembrano meno pesanti, quando ci si ama, si affrontano insieme le fatiche, ci si aiuta a portare i pesi. Ed è questo che cambia lo sguardo sulla realtà. Le cose restano le stesse, ma possiamo vederle con occhi diversi. La vita diventa benedizione, come il Danielgesanglädt uns ein, diesen Sonntag zu wiederholen.

Die Zeichen der Liebe

L’amore si fa riconoscere. Ci sono dei segni inequivocabili che ci permettono di comprendere se stiamo amando, se ci sentiamo amati. L’amore ci fa sentire realizzati: se ti senti avvilito, deluso, se ti sembra che le tue ali siano tarpate, se non riesci a volare, forse non è amore quello che stai vivendo. San Paolo ci ricorda, nella Zweiter Brief an die Korinther, che l’amore, cioè l’immagine di Dio, il segno della sua presenza, è gioia, è coraggio, è pace.

Liebe rettet

L’amore salva, dice Gesù nel dialogo con Nicodemo (Gv 3,17): chi ti ama davvero non vuole distruggerti, non ti condanna, ma fa il possibile per salvare la tua vita. Il giudice spietato e impietoso non ama, è mosso dal rancore. Il Figlio è venuto nel mondo non per condannare, ma per salvare. Ma noi, con i nostri atteggiamenti, spesso sotto apparenza di bene, cerchiamo di distruggere l’altro o di recuperarlo?

Liebe ist keine Selbstfeier

Gesù vorrebbe aiutare Nicodemo a entrare nel dinamismo dell’amore, ben diverso dalla staticità della legge a cui è legato e affezionato: lo Spirito soffia, la Legge inquadra! L’amore non può essere statico, perché è scambio: der Liebhaber, sagt der heilige Ignatius von Loyola,gibt dem Geliebten, was der Geliebte nicht hat! L’amore quindi è sempre relazione, altrimenti non potrebbe essere movimento.

L’amore che Cristo ci rivela non può essere il motore immobile di Aristotele. Un Dio che ama non può essere chiuso nella solitudine dell’uno, altrimenti sarebbe autoreferenziale. Tutt’al più siamo noi che mettiamo al centro noi stessi e non riusciamo ad amare.

Persino all’interno di una relazione possiamo starci solo apparentemente: quando siamo solo noi il punto di riferimento, quando ciò che conta sono solo le nostre ragioni e le nostre esigenze, allora non stiamo amando. Nell’isolamento dell’io non c’è amore, ma solo autocelebrazione.

Liebe ist trinitarisch

Se l’amore è movimento, allora non può essere neanche esclusione. L’amore accoglie. Si può essere in due e non permettere a nessuno di entrare nello spazio di quella relazione. Quello non è amore, ma prigione. Una relazione in cui c’è amore diventa generativa, è feconda. Si preoccupa degli altri. L’amore dei due è a servizio di altri.

Lo Spirito è l’amore tra il Padre e il Figlio che essi donano a chiunque lo voglia accogliere. La dualità generativa è trinitaria. È la dinamica dell’amore. Ogni amore, se è vero amore, non può che essere trinitario, quella è l’immagine verso cui siamo in cammino.

Lesen Sie hinein

  • Welche Eigenschaften finden Sie, wenn Sie Ihre Art der Liebe betrachten?
  • Wie versucht man, nach dem Vorbild der trinitarischen Liebe zu leben?

Hören Sie zu und meditieren Sie

Eugenio Ruberto
Eugenio Ruberto
Stutz mir nicht die Flügel!
Loading
/.

Mit freundlicher Genehmigung © ♥ Pater Gaetano Piccolo SJ


Spenden Sie Ihre 5x1000 an unseren Verein
Es kostet Sie nichts, es ist uns viel wert!
Helfen Sie uns, kleinen Krebspatienten zu helfen
du schreibst:93118920615

1 Commento

Neueste Artikel

Udienza Generale del 17 aprile 2024
17. April 2024
Generalaudienz vom 17. April 2024
Eucaristia
17. April 2024
Das Wort vom 17. April 2024
croce su vetro appannato
16. April 2024
Gebet vom 16. April 2024
madre e figlio
16. April 2024
Bitte meine Mutter
sole
16. April 2024
Neues Mitgefühl

Kommende Veranstaltungen

×