Lesezeit: 6 Minuten

Lesen Sie die Geschichte von Johannes dem Täufer

Apostel und Evangelist

“Il discepolo che Gesù amava”: semplicemente così, nel suo Vangelo, si autodefinisce Giovanni e ha ragione a vederla in questo modo, perché è lui a rivestire uno dei ruoli più importanti nella storia della salvezza, oltre, ovviamente, a Maria, che Gesù gli affida espressamente in punto di morte con quell’“ecco tuo figlio” ed “ecco tua madre”.

Von da an nimmt Johannes Maria als „das Liebste“ mit sich, und der Punkt, der die beiden verbindet, ist genau die Reinheit, das jungfräuliche Leben, das sie beide führen.

Historische Informationen zum Leben von John

Le fonti storiche dalle quali attingere i dettagli della vita dell’apostolo evangelista, sono diverse, alcune apocrife come un altro Vangelo, secondo alcuni da attribuire proprio alla sua penna.

Di lui sappiamo che è il più giovane e che sarà il più longevo dei Dodici. È originario della Galilea, in una zona sul lago di Tiberiade e infatti viene da una famiglia di pescatori.

Suo padre è Zebedeo e sua madre Salomè; il fratello Giacomo, detto il Maggiore, sarà anche lui un apostolo. È sempre nominato da Gesù ed è nella cerchia dei ristrettissimi che lo accompagnano nelle occasioni più importanti, come quando viene resuscitata la figlia di Giairo, nella Trasfigurazione sul Monte Tabor e durante l’agonia nel Getsemani.

Anche nel corso dell’Ultima Cena siede in un posto d’onore, alla sua destra, e gli poggia il capo sulla spalla con un gesto d’affetto: è proprio in quel momento che lo Spirito Santo gli infonde la sapienza del racconto evangelico che scriverà in vecchiaia.

È l’unico a stare ai piedi della Croce assieme a Maria e con lei trascorre in attesa i tre giorni precedenti alla Resurrezione; è ancora il primo ad arrivare al sepolcro vuoto dopo l’annuncio di Maria Maddalena, ma lascerà entrare Pietro perché ha rispetto dell’anzianità.

Anschließend wird er mit Maria nach Ephesus ziehen und sich von dort aus um die Evangelisierung Kleinasiens kümmern. Es scheint auch, dass er die Verfolgung von Domitian ertragen und auf die Insel Patmos verbannt werden muss, von wo aus er mit der Ankunft von Nerva nach Ephesus zurückkehren wird, um hier um 104 herum seine Tage als Hundertjähriger zu beenden.

„Die Blume der Evangelien“

Così viene chiamato il Vangelo scritto da Giovanni, noto anche come “Vangelo spirituale” o Vangelo del Logos, grazie alla raffinatezza del linguaggio teologico e al conio del termine polisemico “logos” per indicare Gesù con i significati di “parola”, “dialogo”, “progetto”, “verbo”. Nel suo Vangelo, inoltre, ricorre 98 volte la parola “credere”, perché è così che si raggiunge il cuore di Gesù, credendo nella libertà e accogliendo la grazia come il discepolo prediletto di Cristo ci mostra.

Il suo è anche un Vangelo altamente mariano, non tanto per la quantità dei riferimenti alla Vergine, quanto per la speciale grazia di Colei che più di tutti conosce il Figlio e che rende il Mistero di Cristo. Eppure Maria nel racconto di Giovanni appare solo due volte: alle nozze di Cana e sul Calvario. Di particolare importanza proprio il racconto delle nozze di Cana, che costituisce anche il primo incontro di Gesù con Giovanni.

Ma la chiamata di Giovanni – che assieme ad Andrea era già seguace di Giovanni il Battista – avviene probabilmente a Betania, presso il fiume Giordano. Quando arriva Gesù, il Battista lo saluta come “l’Agnello di Dio”. Giovanni resta talmente colpito da questo incontro da ricordare perfino l’ora in cui è avvenuto (la decima, circa le 16) e pertanto non potrà, dopo allora, non seguire Gesù.

Ma oltre all’alto valore teologico, il Vangelo di Giovanni differisce dai sinottici anche per le sottolineature sull’umanità di Cristo che emerge dai dettagli di alcuni racconti, come il sedersi stanco, le lacrime versate per Lazzaro o la sete manifestata sulla Croce.

Die Apokalypse und die Briefe

Giovanni scrive anche tre lettere e l’Apocalisse, l’unico libro profetico del Nuovo Testamento.

Esso conclude le Scritture e già dal suo nome – che significa “rivelazione” – indica il concreto messaggio di speranza che porta in sé, mettendo in un certo qual modo un punto fermo al dialogo di Dio con l’uomo: d’ora in poi sarà la Chiesa a parlare, a leggere l’azione di Dio all’interno della Storia, fino al suo ritorno sulla Terra alla fine dei tempi.

In questo senso l’Apocalisse è anche una “profezia”. Quanto alle tre Lettere, o Epistole, di Giovanni, scritte probabilmente a Efeso, sono lettere sull’amore e sulla fede che mirano a difendere alcune fondamentali Verità spirituali contro l’attacco delle dottrine gnostiche.

Dies ist der unnachahmliche Beginn des Evangelium Giovannis:

Am Anfang war das Wort,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.


Egli era in principio presso Dio:
alles wurde durch ihn getan,
und ohne ihn wurde aus all dem nichts gemacht
existiert.


In ihm war Leben
und das Leben war das Licht der Menschen;
das Licht scheint in der Dunkelheit,
aber die Dunkelheit hieß sie nicht willkommen.


Venne un uomo mandato da Dio
und sein Name war John.


Er kam als Zeuge
um das Licht zu bezeugen,
damit alle durch ihn glauben.


Er war nicht das Licht,
aber er musste für das Licht Zeugnis ablegen.


Es kam auf die Welt
wahres Licht,
derjenige, der jeden Menschen erleuchtet.


Er war auf der Welt,
und die Welt wurde durch ihn geschaffen,
doch die Welt erkannte ihn nicht.


Er kam zu seinem Volk,
aber seine eigenen akzeptierten es nicht.


Aber an diejenigen, die ihn willkommen geheißen haben,
ha dato potere di diventare figli di Dio:
denen, die an seinen Namen glauben,
die kein Blut spenden,
noch vom Verlangen nach Fleisch,
noch durch den Willen des Menschen,
ma da Dio sono stati generati.


Und das Wort wurde Fleisch
und wohnte unter uns;
und wir sahen seine Herrlichkeit,
gloria come di unigenito dal Padre,
voller Gnade und Wahrheit.


John gibt Zeugnis von ihm
und schreit: „Hier ist der Mann, von dem ich gesagt habe:
Derjenige, der nach mir kommt
ging an mir vorbei,
weil es vor mir war.


Aus seiner Fülle
wir haben alle erhalten
und Gnade über Gnade.


Denn das Gesetz wurde durch Mose gegeben,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.


Dio nessuno l’ha mai visto:
proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre,
er hat es offenbart.

San Giovanni Battista
San Giovanni Battista 4

Quelle © Vatikanische Nachrichten


Helfen Sie uns zu helfen!

San Giovanni Battista 2
Mit Ihrer kleinen Spende zaubern wir jungen Krebspatienten ein Lächeln

Neueste Artikel

credere in Dio
14. April 2024
Gebet vom 14. April 2024
Dante and Beatrice Henry Holiday
14. April 2024
So nett und so ehrlich, wie es scheint
Gesù e discepoli
14. April 2024
Das Wort vom 14. April 2024
Eugenio e Francesca con la bicicletta nel 2015
13. April 2024
Gebet vom 13. April 2024
Eugenio e Remigio mano nella mano, salita al Gianicolo
13. April 2024
Gib mir deine Hand, mein Junge

Kommende Veranstaltungen

×