Caro Eugenio

non sento la tua voce, ma sento il tuo respiro.

E’ l’unica forza che sento, dentro e fuori di me.

Nel nostro silenzio, parliamo.

Nel silenzio del nostro cuore, ridiamo, come facevamo una volta.

Ma non è lo stesso ridere.

Oggi le nostre risate sono dense, pure, sanno di grazia.

Quella grazia che è concessa solo ai privilegiati, come te.

Ti scrivo sperando che questo mio messaggio ti raggiunga via etere, via quelle nuvole chiamate in gergo tecnico “cloud” su cui tu giochi a basket, che per noi invece sono solo archivi di una memoria destinata a scomparire.

Le tue nuvole sono giaciglio per il tuo riposo sereno e memoria dell’amore che non tramonta mai.

Caro Eugenio
nuvola a forma di colomba – Dragoni 30 marzo 2021

Ti è piaciuto?

Click per votare!

Media dei voti 3.7 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto ancora! Sii il primo!

Siccome ti è piaciuto...

condividi questo articolo sui social media!

Siamo dispiaciuti non ti sia piaciuto!

Facci sapere come possiamo migliorare

Come possiamo migliorare il nostro diario?

Pubblicità

Scrivi un commento...

Eventi in programma

Ultimi appunti pubblicati

Eugenio sogna Dio
24 Settembre 2022
Preghierina del 24 settembre 2022
Scende la pioggia
24 Settembre 2022
Scende la pioggia
polvere nelle mani
24 Settembre 2022
La buona impronta
Lazzaro
24 Settembre 2022
Commento al Vangelo del 25 Settembre 2022
la forza dei giovani
24 Settembre 2022
I giovani ci sono

Pubblicità

Pubblicità