commento di Gv 6,37-40, a cura di Gloria Ruvolo

Nessuno è felice come chi sa di essere amato

Alda Merini
ritorno a Dio

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6,37-40

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».

Mi lascio ispirare

Sono stata mandata. Sono un regalo che il Padre ha fatto al Figlio, e il Figlio mi ha accettato, mi ha accolto, non mi ha cacciato. Ho visto il Figlio e da allora non posso vivere la mia vita senza confrontarmi con il suo amore.

Il suo amore mi disarma, la sua lotta per non perdermi mi commuove. Lo ostacolano tutti, il mondo intero lo vuole fermare, io stesso scivolo dalla sua presa e mi ribello, ostile a compiere una volontà non mia. Ma lui ritorna, resuscita il mio cuore apatico e mi riporta verso la vera Via, la vera Vita: ed è per questo che credo in lui, che credo nella potenza del suo amore.

Come tutte le pecorelle smarrite, sono al sicuro solo quando mi ritrova.

Gloria Ruvolo

fonte © GET UP AND WALK

5 1 voto
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti

primo piano Eugenio sorride
La Croce
2 Dicembre 2021
La Parola del 2 dicembre 2021
2 Dicembre 2021
Preghierina del 1 dicembre 2021
1 Dicembre 2021
La leggenda di San Nicola
1 Dicembre 2021
Sia fatta la Tua volontà
Sia fatta la Tua volontà
1 Dicembre 2021

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x