In qualsiasi casa andrò, io vi entrerò per il sollievo dei malati, e mi asterrò da ogni offesa o danno volontario, e fra l’altro da ogni azione corruttrice sul corpo delle donne e degli uomini, liberi e schiavi.

Giuramento di Ippocrate

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 14,1-6

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano ad osservarlo. Ed ecco, davanti a lui vi era un uomo malato di idropisia.
Rivolgendosi ai dottori della Legge e ai farisei, Gesù disse: “E’ lecito o no guarire di sabato?” Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.
Poi disse loro: “Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?“. E non potevano rispondere nulla a queste parole.


È sabato, il giorno di Dio, la scena è quella di un banchetto. Il significato profondo del mangiare è vivere. Gesù è il vivente, l’uomo del sabato e lo vive pienamente non solo mangiando e bevendo alla tavola di uno dei capi dei farisei, ma partecipando in maniera creativa all’essenza del Padre che da sempre genera e dona vita.

I farisei presenti lo sorvegliano, per giudicarlo. Davanti a Gesù è posto un uomo che fa da specchio ai farisei stessi: consumato dalla malattia che gli provoca una sete insaziabile che lo spinge a bere senza riposo, se ne sta lì di fronte a Gesù che lo guarda.

La parola di Gesù, cui nessuno ha avuto il coraggio di fare la domanda se sia lecito o no curare nel giorno di sabato, è insieme domanda e risposta: la sua parola è in grado di raggiungere anche i cuori più duri, è una parola autorevole perché fondata sulla roccia dell’amore che «tutto crede, tutto copre, tutto spera e tutto sopporta».

La reazione a questa parola è silenzio per i nemici del regno, sa di morte; ma è anche riposo del seme fra la terra e sa che a primavera germoglierà di una vita nuova che nutre e feconda.

Gesù non ha paura di donarsi totalmente, di entrare in intimità con noi, di mangiare con noi e infine di guarirci. Nel giorno dell’ultimo sabato senza resurrezione sarà egli stesso cibo sulla mensa che sazierà ogni nostra fame e quieterà ogni nostra sete.

Maria Buiatti Luca Baccolini

fonte © GET UP AND WALK

0 0 voti
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti

sguardo
Un’altra bellezza
30 Novembre 2021
Educare
30 Novembre 2021
Gesù pescatore di uomini
La Parola del 30 novembre 2021
30 Novembre 2021
martirio di Sant'Andrea Apostolo
Sant’Andrea Apostolo
30 Novembre 2021
Peppino Micco, Giuseppina, Gaetano Santoro, io e Federica Landolfi
Preghierina del 29 novembre 2021
29 Novembre 2021

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x