Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Entra

Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Si prega di accettare tutti i termini e le condizioni prima di procedere al passaggio successivo

Già iscritto?

Entra

commento di Mt 22,34-40, a cura di Ilaria De Lillo

La bellezza è la realtà vista con gli occhi dell’amore.

Evelyn Underhill

Mi preparo

Chiudo gli occhi,
mi concentro sul momento presente,
libero la mente da preoccupazioni e pensieri,
esprimo interiormente il mio desiderio di stare alla presenza del Signore

Entro nel testo (Mt 22,34-40)

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Mi lascio ispirare

«Amerai», più che un ordine, una promessa; più che un articolo della legge, un dono prezioso. Dopo la provocazione delusa dei sadducei, anche i farisei incalzano Gesù per metterlo alla prova sulla conoscenza e il ligio rispetto della legge ebraica. Ma anche questa volta Gesù fa cadere le loro aspettative e i loro schemi tradizionali. Se il progetto dei farisei è attenersi alle regole di un Dio-legislatore per poter essere a posto con la coscienza ed ergersi al di sopra degli altri per poterli giudicare, Gesù ci parla di Dio-Amore.

Egli rimette nelle nostre mani il dono dell’Amore e rimette alla nostra libertà l’accettare o meno. E in questo dono promette la vita. Nel suo «amerai» non c’è il peso del dover fare qualcosa con sforzo, angoscia, ansia da prestazione come la società e una religione disincarnata vorrebbero farci credere. Non siamo sotto una lente con qualcuno che misura la nostra efficienza e produttività. Non dobbiamo fare qualcosa (ottimizzando il tempo e le energie il più possibile!) per sentirci felici.

Gesù ci fa un dono prezioso: l’amore gratuito e totale del Padre. Accogliendolo, entriamo hic et nunc, qui e ora, nella promessa di vita eterna e nella possibilità di poter imparare a nostra volta ad amare quanti ci sono accanto o facciamo più fatica ad amare. Lasciandoci amare abbiamo la vita e gustandola piano piano saremo capaci anche noi di fare altrettanto con gli altri.

L’amore del Padre che cade delicatamente su noi ci trasforma: non dovremo più fare per essere a posto con gli altri, ma essere esseri amanti. Preservare e custodire la bellezza che l’amore del Signore è su di noi per poi farla crescere per amare: questo è il comandamento, la promessa in cui si iscrive la nostra libertà. Donaci, Signore, di credere a questo dono per vivere di questa promessa.

Ilaria De Lillo

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

Quando ho sentito su di me il peso schiacciante della legge?

Che effetto mi fa l’invito di Gesù «Amerai»?

Cosa posso fare per preservare e accrescere il dono dell’amore ricevuto?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

(fonte GET UP AND WALK)

0 0 voti
Valuta l'articolo
PrecedenteProssimo post

Da leggere:

Morte

La paura della morte e il conseguente tentativo di salvarci...
la luce di Eugenio

Commento al Vangelo del 17 ottobre 2021

Dal cuore di Trastevere in Roma, dalla Chiesa di Santa...

Pane vero

Non lasciate che il mondo vi sottragga il paniere della...

Radici

Occorre vivere come le radici degli alberi con il coraggio...
infinito

Che nessuno si perda

commento di Lc 12, 1-7, a cura di Lino Dan SJ...

Prendimi come sono

Signore,prendimi come sono,con i miei difetti,con le mie mancanze;ma fammi...

Opere

Credere? Certo, crediamo, badando che il credere sviluppi opere di...

Figli liberi

Ci vuole molta più forza per vivere da figli liberi...
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti

Morte
17 Ottobre 2021
primo piano Eugenio in auto
Primo anniversario nascita al cielo
17 Ottobre 2021
La Parola del 17 ottobre 2021
17 Ottobre 2021
casetta di Eugenio
Preghierina del 16 ottobre 2021
16 Ottobre 2021
La sirenetta
La Sirenetta – seconda parte
16 Ottobre 2021

Eventi in programma

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x