Annunciazione del Signore, Solennità

Libro di Isaia 7,10-14.8,10b.

In quei giorni, il Signore parlò ad Acaz :
«Chiedi un segno dal Signore tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure lassù in alto».
Ma Acaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».
Allora Isaia disse: « Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta di stancare la pazienza degli uomini, perché ora vogliate stancare anche quella del mio Dio?
Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele: Dio-con-noi».
“Dio con noi” ».

Salmi 40(39),7-8a.8b-9.10.11.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto.
Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo.

Sul rotolo del libro di me è scritto,
di compiere il tuo volere.
Mio Dio, questo io desidero,
la tua legge è nel profondo del mio cuore».

Ho annunziato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi, non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia in fondo al cuore,
la tua fedeltà e la tua salvezza ho proclamato.
Non ho nascosto la tua grazia
e la tua fedeltà alla grande assemblea.

Lettera agli Ebrei 10,4-10.

Fratelli, è impossibile eliminare i peccati con il sangue di tori e di capri.
Per questo, entrando nel mondo, Cristo dice: Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato.
Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato.
Allora ho detto: Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà.
Dopo aver detto prima non hai voluto e non hai gradito né sacrifici né offerte, né olocausti né sacrifici per il peccato, cose tutte che vengono offerte secondo la legge,
soggiunge: Ecco, io vengo a fare la tua volontà. Con ciò stesso egli abolisce il primo sacrificio per stabilirne uno nuovo.
Ed è appunto per quella volontà che noi siamo stati santificati, per mezzo dell’offerta del corpo di Gesù Cristo, fatta una volta per sempre.

Leggi anche:  La Parola del 27 marzo 2021

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,26-38.

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret,
a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.
Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te».
A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto.
L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.
Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.
Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre
e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo».
Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio.
Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile:
nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto».
E l’angelo partì da lei.

Leggi anche:  La comunità dei testimoni

Sant’Amedeo di Losanna (1108-1159)

monaco cistercense, poi vescovo
Omelia mariale III, SC 72

Il tuo stesso Creatore si è fatto tuo Sposo

Rallegrati e sii nella gioia, o Maria, poiché concepirai per un soffio. Rallegrati, poiché sarai incinta dello Spirito Santo. Sì, eri sposa di Giuseppe, ma lo Spirito Santo ti ha presa per primo. Colui che ti ha creata, ti ha segnata e ti ha voluta per sé. Il tuo stesso Creatore si è fatto tuo Sposo; si è innamorato della tua bellezza. Ed è questo stesso Creatore che ti chiama con queste parole: “Alzati, amica mia, mia bella, mia colomba, l’inverno è passato. Vieni”. (cf. Ct 2,11.14) Ha desiderato la tua bellezza e vuole unirsi a te; non soffre ritardi, ha premura di venire a te. Alzati, dunque, indossa i tuoi abiti di gloria, ornati dei gioielli più preziosi, poiché il Signore si è compiaciuto di te. Alzati per l’incontro col tuo Sposo e tuo Dio, e digli: “Eccomi, sono la serva del Signore” (Lc 1,38) Affrettati, non tardare, poiché lui non tarderà, ma salterà come un gigante per la sua corsa. Anche tu, affrettati; dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre; corrigli incontro per essere baciata dalla bocca di Dio e per essere avvolta dai suoi abbracci straordinari. “Lo Spirito Santo scenderà su di te” (cf Lc 1,35), perché al suo contatto frema il tuo grembo, si gonfi il tuo seno, si rallegri il tuo cuore e si allarghino i tuoi fianchi. Sii glorificata, cioè fatta ancor più grande, tu che sarai colmata di tale dolcezza, che sarai degna d’un bacio così celeste, che sarai unita ad uno Sposo così grande, che sarai fecondata da tale marito!

Post precedenteProssimo Post

Da leggere

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Gli ultimi appunti

domenica in albis
Preghierina del 11 aprile 2021
11 Aprile 2021
la gallina dalle uova d'oro
La gallina dalle uova d’oro
11 Aprile 2021
persone in difficoltà
Persone in difficoltà
11 Aprile 2021

Archivi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli in privacy settings.
AccettaPrivacy Settings

lucchetto

  • Informativa

Informativa

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: