Oggi festeggiamo Beata Vergine della Medaglia Miracolosa

Visita il sito web della Cappella della Madonna della Medaglia Miracolosa

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo
Ap 20,1-4.11 – 21,2

Io, Giovanni, vidi un angelo che scendeva dal cielo con in mano la chiave dell’Abisso e una grande catena. Afferrò il drago, il serpente antico, che è diavolo e il Satana, e lo incatenò per mille anni; lo gettò nell’Abisso, lo rinchiuse e pose il sigillo sopra di lui, perché non seducesse più le nazioni, fino al compimento dei mille anni, dopo i quali deve essere lasciato libero per un po’ di tempo.
Poi vidi alcuni troni – a quelli che vi sedettero fu dato il potere di giudicare – e le anime dei decapitati a causa della testimonianza di Gesù e della parola di Dio, e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua e non avevano ricevuto il marchio sulla fronte e sulla mano. Essi ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni.
E vidi un grande trono bianco e Colui che vi sedeva. Scomparvero dalla sua presenza la terra e il cielo senza lasciare traccia di sé. E vidi i morti, grandi e piccoli, in piedi davanti al trono. E i libri furono aperti. Fu aperto anche un altro libro, quello della vita. I morti vennero giudicati secondo le loro opere, in base a ciò che era scritto in quei libri. Il mare restituì i morti che esso custodiva, la Morte e gli inferi resero i morti da loro custoditi e ciascuno venne giudicato secondo le sue opere. Poi la Morte e gli inferi furono gettati nello stagno di fuoco. Questa è la seconda morte, lo stagno di fuoco. E chi non risultò scritto nel libro della vita fu gettato nello stagno di fuoco.
E vidi un cielo nuovo e una terra nuova: il cielo e la terra di prima infatti erano scomparsi e il mare non c’era più. E vidi anche la città santa, la Gerusalemme nuova, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,29-33

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno».

PAROLE DEL SANTO PADRE

La storia dell’umanità, come la storia personale di ciascuno di noi, non può essere compresa come un semplice susseguirsi di parole e di fatti che non hanno un senso. Non può essere neppure interpretata alla luce di una visione fatalistica, come se tutto fosse già prestabilito secondo un destino che sottrae ogni spazio di libertà, impedendo di compiere scelte che siano frutto di una vera decisione. Conosciamo, tuttavia, un principio fondamentale con il quale dobbiamo confrontarci: «Il cielo e la terra passeranno – dice Gesù –, ma le mie parole non passeranno» (v. 31). Il vero punto cruciale è questo. In quel giorno, ognuno di noi dovrà comprendere se la Parola del Figlio di Dio ha illuminato la propria esistenza personale, oppure se gli ha voltato le spalle preferendo confidare nelle proprie parole. Sarà più che mai il momento in cui abbandonarci definitivamente all’amore del Padre e affidarci alla sua misericordia. (Angelus, 18 novembre 2018)

«Sappiate che il regno di Dio è vicino»

«Noi aspettiamo il Salvatore» (liturgia latina Fil 3,20). E’ davvero gioiosa l’attesa dei giusti, di coloro che attendono «la beata speranza e la manifestazione nella gloria del nostro grande Dio e Salvatore Gesù Cristo» (Tt 2,13). «Ora che attendo, Signore? In te la mia speranza» (Sal 39,8) Poi si volge verso di lui e grida: «non deludermi nella mia speranza» (Sal 119,116). Infatti io sono già presso di te, poiché la nostra natura, da te assunta e offerta per noi, è già stata glorificata in te. Questo ci fa sperare che «a te verrà ogni mortale» (Sal 65,3). (…) Perciò con fiducia ancor più grande attendono il Signore coloro che possono dire: «Il mio essere, Signore, è presso di te, poiché ti ho donato tutte le mie ricchezze; lasciandole per te, ho «accumulato un tesoro in cielo» (cf Mt 6,20). Ho deposto i miei beni ai tuoi piedi: so che (…) me li «renderai centuplicati con, in più, la vita eterna» (cf Mc 10,30). Beati voi, poveri in spirito! (Mt 5,3) (…) perché il Signore ha detto: «Là dov’è il tuo tesoro, là sarà il tuo cuore» (Mt 6,21). Lo seguano i vostri cuori, seguano il loro tesoro! Fissate lassù i vostri pensieri, sia sospesa a Dio la vostra speranza, per poter dire con l’apostolo Paolo: «La nostra vita è nei cieli; è da lassù che aspettiamo il Salvatore» (Fil 3,20).
Beato Guerrico d’Igny (ca 1080-1157)

Da leggere:

Scrivi un commento...

Ultimi appunti

sorridere
Sorridere
9 Maggio 2021
Rimanete nel mio amore
La Parola del 9 maggio 2021
9 Maggio 2021
Eugenio e Giuseppina OPBG
Preghierina del 8 maggio 2021
8 Maggio 2021
il paese con l'esse davanti di Gianni Rodari
Il paese con l’esse davanti
8 Maggio 2021
vaccino covid 19
I più vulnerabili
8 Maggio 2021

Archivi

Pubblicità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: