Perché il cimitero si chiama così?

La parola cimitero ha una derivazione greca, koimetérion, che significa “luogo di riposo”, trasformata poi nel latino coemeterium.

Il momento storico in cui l’essere umano seppellisce i suoi defunti in un luogo preciso si può far coincidere con l’inizio di una qualsivoglia civilizzazione, anche perché tali sepolture erano sempre accompagnate da precisi riti sempre uguali relativamente alle origini di un determinato popolo.

Poiché il cimitero dunque è il luogo dove i morti riposano, ecco svelato il motivo per il quale ha assunto questo nome. (Fonte www.sapere.it)

Quindi, non è un luogo dove andare solo il 2 novembre, oppure solo quando dobbiamo cambiare l’acqua ai fiori.

Leggi anche:  Preghierina del 25 novembre 2020

E’ IL luogo dove riposano in pace i nostri defunti, le persone che abbiamo amato in vita e che dobbiamo continuare ad amare adesso che sono nell’altra dimensione, nella dimensione eterna, dove ci aspettano perché sarà li che andremo poi un giorno.

Ecco perché deve essere il luogo principale di tutto un paese, di una città o metropoli: è il luogo dove ci ritroveremo tutti, indistintamente.

Ed ecco perché deve essere amato, rispettato, protetto e migliorato: sarà la nostra casa eterna.

Oggi vogliamo ricordarti cosi:

Eugenio vola a basket

Tanti ti seguivano, e ti seguiranno. Molti ti aspettano.

Preghiamo insieme:

Precedente articoloProssimo articolo

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

lampada sotto il letto
La Parola del 28 gennaio 2021
28 Gennaio 2021
Eugenio dorme nel lettone
Preghierina del 27 gennaio 2021
27 Gennaio 2021
fiabe stilton
Il viaggio di Domba
27 Gennaio 2021

Archivio