Buongiorno 5 ottobre 2020

La sveglia suona alle 6.45, ma ero già sveglio da oltre mezz’ora.

Alle 7.15 tutti in piedi, escluso Eugenio che ancora non può alzarsi dal letto. Le sue condizioni di salute non glielo permettono ancora. Ma noi speriamo.

Alle 7.30, puntuale come un orologio svizzero, Fernanda Mirto, infermiera della Clinica Athena di Piedimonte Matese (CE) arriva a casa per effettuare il prelievo di sangue ad Eugenio.

Dolcissima e premurosa come sempre, le basta sfiorare il braccio di Eugenio per trovare la vena giusta per inserire l’ago: et voilà, il prelievo è fatto!

In 5 minuti esegue il suo preciso lavoro, e corre via al laboratorio con il suo prezioso carico.

Alle 8.20 via whatsapp ci pervengono già le schermate del referto.

Ci colpiscono i valori segnati in rosso, che sono purtroppo un 80% dei valori elencati.

Segno non positivo.

Solo le piastrine tengono: 132 (130-400)

Alle 8 arriva il nostro carissimo Ferdinando Vecchione, per iniziare la sequenza di flebo previste per la giornata: Mannitolo 500ml, Intralipid 500ml, e Soldesam 16mg in bolo.

La delicatezza, l’attenzione e il pensiero della famiglia di Ferdinando Vecchione si manifesta in questi doni, che dal loro cuore arrivano direttamente al nostro.

Durante il loro weekend ad Assisi il loro pensiero è stato per Eugenio e per Francesca.

Noi ringraziamo Dio per avere amici così speciali.

San Francesco resta sempre con noi e con loro.

Scrivi un commento...