Alle 3 circa Eugenio ha bagnato il lettone.

Si è svegliato perchè sentiva la sensazione di bagnato, così rassicurandolo e coccolandolo, l’ho cambiato totalmente e l’ho rimesso a letto, non più al suo posto ancora umido, ma al mio posto. Così, accarezzandogli la testa e baciandolo di continuo sul capo, si è riaddormentato.

Io ho vagato nella notte e nel buio di casa.

Stamattina al risveglio accusava ancora una fortissima stanchezza, e dopo la sua colazione e l’assunzione dalla prima all’ultima delle medicine previste per la mattina, si è accomodato sulla poltrona.

Eugenio sulla poltrona nera in salone
Eugenio sulla poltrona nera in salone

La testa gli gira vorticosamente.

Così mando email alla Cacchione, che mi ha risposto in un batter d’occhio di anticipare le analisi a domani o giovedì. Provvedo a chiamare il nostro fidato infermiere Renato, ma non risponde. Riproverò.

Per il momento, affaticato e stanco, si è rimesso a letto.

Mi ripete sempre: “grazie

Ed io gli rispondo: “grazie a te di esserci

PrecedenteProssimo post

Da leggere:

Scrivi un commento...

Ultimi appunti

donare
Donare
11 Maggio 2021
Gesù e Pilato
La Parola del 11 maggio 2021
11 Maggio 2021
tomba San Pio
Preghierina del 10 maggio 2021
10 Maggio 2021
donna soffia il naso
Il naso che scappa
10 Maggio 2021
prendiamoci cura
Ascoltiamo, incoraggiamo, prendiamoci cura
10 Maggio 2021

Archivi

Pubblicità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: