Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Entra

Registrati

Dopo aver creato il tuo account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Indirizzo
Nazione*
* Creare un account significa accettare i nostri Termini di servizio e la Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Entra

Abbiamo lasciato una parte del nostro cuore ad Assisi, dove solo per pochi minuti abbiamo toccato il suolo francescano, ma non abbiamo avuto il piacere di salutare il nostro amico Padre Enzo Fortunato.

Abbiamo lasciato una parte dal nostro cuore a Perugia, nella stanza numero 5 del quinto piano del reparto di oncoematologia pediatrica.

Abbiamo avuto l’onore di essere assistiti da un team di professionisti, ad iniziare dal primario dott. Maurizio Caniglia, dalla gentilissima dottoressa Maria Speranza Massei, dall’infermiera Cinzia, e da tanti altri infermieri e dottori che ci hanno curato e coccolati.

Abbiamo lasciato un po’ del nostro cuore al vigilante dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, che con pazienza e coscienza ci ha fatti entrare con il camper all’ingresso del pronto soccorso, al fine di agevolare l’entrata e la salita in camper di Eugenio.

Il nostro cuore è ormai nelle fidate mani della dottoressa Antonella Cacchione, e da poco nelle mani della dottoressa Giacomina Megaro, cui abbiamo affidato la vita di nostro figlio Eugenio.

Ieri 12 luglio eravamo impazienti di avere le dimissioni, così da ritornare a casa, dove c’è sempre il nostro cuore.

C’è il cuore della casa, della nostra amata figlioletta Francesca, e di nonna Antonietta, che ci aspettava in trepidante attesa.

Finalmente alle 12 circa la dottoressa Megaro ci consegna il fascicolo delle dimissioni, contenente il riassunto della storia clinica di Eugenio, e le ultime indicazioni terapeutiche, comprese i medicinali da assumere a casa.

Una OSS accompagna Eugenio in sedia a rotelle, fino all’ingresso del pronto soccorso, dove già l’abile e premuroso vigilante mi aveva permesso l’accesso fino all’interno dell’area, già zona extraterritoriale proprietà della Santa Sede.

Eugenio a fatica sale i 3 gradini che permettono l’accesso alla cellula abitativa del camper; lo faccio accomodare al divanetto, mi metto alla guida ed aiutato dallo stesso vigilante compio manovra per uscire agevolmente.

Prendiamo la via per casa.

Con piacere lasciamo Roma, il suo caldo umido, il traffico caotico e roboante, le strade dissestate, le buche nella pavimentazione stradale ampie come voragini, i clacson usati come mezzo di comunicazione fra automobilisti arrabbiati, i semafori annoiati perché nessuno li guarda, il grande raccordo anulare usato come pista di decollo per automobili potenti e aggressive, spesso tirate a lucido e dotate di lampeggianti blu.

Noi, con il nostro solido e robusto Pio camper, a 90 Km/h siamo padroni della strada, di tutte le autostrade, della nostra amata corsia di destra, dove nessuno ci disturba.

Eugenio si stende nel suo lettucio in fondo a Pio camper, e dorme, sereno, pacifico. Pio è anche dotato di aria condizionata, e il nostro guerriero dorme al fresco.

Nei pressi di Frosinone mi accosto in una piazzola di servizio, per permettere ad Eugenio di andare nel piccolo ma funzionale wc del camper.

Alle 15.30 siamo a casa.

Ci attende la nonna Antonietta, con la pasta al sugo già pronta, un ottimo secondo con rotolini di petto di pollo con prosciutto cotto.

Dopo pochissimi minuti ci raggiunge Francesca, che con le lacrime agli occhi ci saluta e ci abbraccia con tutto l’amore possibile.

Siamo a casa.

Alle 19.30 di oggi 13 luglio 2020 la graditissima visita dell’amica del cuore “big sister” Anna Pasquariello

PrecedenteProssimo post

Da leggere:

amore

Amore

In amore non si vede un punto d’arrivo, né un...
Eugenio tra le sue gioie a casa

Otto mesi senza te

Sono le 7 del 17 giugno 2021 Erano le 7...
contro la mamma

Mi manchi

Ciao Eugenio, sono Francesca. Mi manchi, come le volte che...
un filo d'amore

Amore che si diffonde

Quando una persona sconosciuta fino al 17 ottobre 2020 ti...

Lascia un commento

Ultimi appunti

La strada di cioccolato
La strada di cioccolato
22 Giugno 2021
lacrime
Lacrime
22 Giugno 2021
Perle ai porci
La Parola del 22 giugno 2021
22 Giugno 2021
i fiori per gli sposi
Preghierina del 21 giugno 2021
21 Giugno 2021
Alice cascherina
Alice cascherina
21 Giugno 2021

Calendario articoli

LunMarMerGioVenSabDom
21222324252627
282930    
       
293031    
       
       
       
  12345
2728293031  
       
1234567
22232425262728
2930     
       
    123
11121314151617
18192021222324
       
  12345
20212223242526
27282930   
       
      1
16171819202122
23242526272829
3031     
     12
242526272829 
       
  12345
13141516171819
20212223242526
2728293031  
       
      1
23242526272829
3031     
    123
45678910
       
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   
       
      1
2345678
9101112131415
23242526272829
30      

Pubblicità

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli in privacy settings.
AccettaPrivacy Settings

  • Consenso cookie

Consenso cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso