Torno alla mia città natia: Foggia

Mia mamma foggiana doc, Rosaria Russo, cognome diffuso come Brambilla a Milano o Scognamiglio a Napoli.

Mio padre anche lui foggiano doc, il cui padre originario di San Agata di Puglia.

A Foggia abbiamo deciso di trascorrere il 50esimo compleanno di mia moglie Giuseppina, e poi andremo a lodare e ringraziare San Pio a San Giovanni Rotondo, che dista solo 40 Km.

Caricato di tutto punto il camper, alle 9.40 partiamo. La statale Telesina, piena di buche e rattoppi, è abbastanza trafficata. L’autostrada che conduce da Benevento a Candela è un cantiere a cielo aperto. Ci fermiamo a fare nafta e gustare un cornetto al cioccolato.

blank

Alle 12.30 siamo a Foggia. Vorrei ben vedere che dopo aver trascorso 40 anni non la conoscessi palmo palmo la mia Foggia. Ci fermiamo alla pasticceria Atzori per qualche dolcetto degno di un compleanno così importante.

Leggi anche:  Letto nuovo, vita nuova

Alle 12.45, parcheggiato il camper all’ombra per evitare che la giornata di 34 gradi possa surriscaldare la nostra casa viaggiante, andiamo a casa di nonna Rosaria.

A 90 anni, mia mamma vive sola, ringraziando Dio è autosufficiente, ma la solitudine logora la maggior parte dei anziani, mia mamma in primis.

Gioia infinita nell’abbracciare i due amati nipoti, in modo speciale Eugenio, cui apprezza e accarezza la nuova folta chioma

blank

La casa, la famiglia e l’amore sono indipendenti dal tempo e dallo spazio.

C’è ovunque tu vuoi che sia.

blank
Precedente articoloProssimo articolo

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

San Francesco
Beato l’uomo
23 Gennaio 2021
mio fratello Gesù
La Parola del 23 gennaio 2021
23 Gennaio 2021
Madonna di Lourdes
Preghierina del 22 gennaio 2021
22 Gennaio 2021

Archivio

Eventi