Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Sereno, oggi il tempo è sereno. Come serena deve essere la nostra anima.

E con la serenità che ci dona tutte le mattine la Santa Messa presieduta dal Santo Padre Francesco in Santa Marta, affrontiamo questo nuovo giorno.

Lettura e Vangelo del 30/4/20

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6,44-51

In quel tempo, disse Gesù alla folla:
«Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

Leggi anche:  Grande Raccordo d'Amore

PAROLE DEL SANTO PADRE

Ma per evangelizzare, ‘alzati e va’. Non dice: ‘Rimani seduta, tranquilla, a casa tua’: no! La Chiesa sempre per essere fedele al Signore deve essere in piedi e in cammino: ‘Alzati e va’. Una Chiesa che non si alza, che non è in cammino, si ammala”. (Santa Marta, 4 maggio 2017)

E arriviamo alle 8.40: Eugenio si rigira nel lettone, e si sveglia. Corro da lui. “Buongiorno amore, mio” e facciamo il segno della croce.

Dopo la visita mattutina del gabinetto, iniziamo il rito delle pillole. Ondansetrone è il primo, così mettiamo al sicuro il pancino, indebolito, ma sempre pronto ad ogni prelibatezza, di Eugenio.

Leggi anche:  Papa Giovanni Paolo II

Alle 9.30 ci aspettano le 4 capsule di Temodal. Scivolano via senza problemi e senza lasciare traccia. E vai, anche oggi è andata!

Ci tocca ora solo aspettare 1,5h soltanto, e poi “pancia mia fatti capanna!”

Go! E’ un fuggi fuggi alla colazione, anche perché Francesca è sveglia e siamo tutti pronti per la english breakfast! Alle 10.30 viene servita con toast, Galbanone e bresaola.

Precedente articoloProssimo articolo

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

la maschera di plastica
Dolori
16 Gennaio 2021
preghiamo
Preghierina del 16 gennaio 2021
16 Gennaio 2021
fiabe stilton
Il re infelice
16 Gennaio 2021

Archivio

Eventi