Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Login

Registrati

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, monitorare la conferma.
Username*
Password*
Conferma password*
Nome*
Cognome/Azienda*
Email*
Telefono*
Indirizzo e informazioni fiscali
Nazione*
* Creando il tuo nuovo account accetti i nostri Termini di servizio e Privacy policy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già registrato?

Login

Stasera la buonanotte è un po’ diversa… Vi racconto un episodio accaduto stasera all’interno del McDonald’s… Eugenio e Remigio seduti, io in fila ad attendere la consegna dei panini; di fianco un ragazzino di 15, forse 16 anni, griffato dalla testa ai piedi, smartphone ultra-tecnologico… Inizia a strillare una parolaccia nel microfono del telefono… una, due volte… Ride come un indemoniato e urla, ad un tavolo un gruppetto di amici e amiche lo invitavano a continuare e ridono a squarciagola… Si avvicina l’uomo della sicurezza del McDonald’s e lo invita ad uscire dal locale (un uomo “piazzato”, altissimo, di colore), dicendo che ci sono bambini e donne che si spaventano… Il ragazzetto, sempre ridendo, intima alla guardia di lasciarlo stare!… Di non toccarlo!… La guardia, con sguardo irremovibile, senza neanche sfiorarlo, gli intima di uscire “tu te ne vai fuori”! Il ragazzo ha capito che “non è aria” e va via senza più replicare… Gli “amici” sono rimasti al tavolo, come se non lo conoscessero, continuano a bere, mangiare e chattare… La guardia, accompagna il ragazzo fuori, senza toccarlo, solo con lo sguardo non lo lascia un po’, rientra esi aggiustata il collo della giacca. Guarda il gruppetto di “amici” e continua il suo lavoro, con sguardo fiero e soddisfatto. Noi che… E meno male che volevamo un po’ di normalità! Eugenio, come sempre molto sottile nelle sue riflessioni ci dice:”ma secondo voi, quel ragazzo lo sa quanto è fortunato? Io sto dalla parte della guardia, vedi come è orgoglioso del suo lavoro?”… Buonanotte ❤️

Precedente articoloProssimo articolo

Articoli collegati

Gli ultimi appunti

folletto e temporale
Il folletto e il temporale
15 Gennaio 2021
Eugenio alla partita di basket
La tua passione
15 Gennaio 2021
Gesù e il paralitico
La Parola del 15 gennaio 2021
15 Gennaio 2021

Archivio

Eventi

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli in impostazioni privacy.
AccettaImpostazioni privacy

GDPR

  • consenso cookie
  • Consenso alla pubblicazione

consenso cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.

Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti.

Consenso alla pubblicazione

Scrivendo la tua testimonianza, accetti che i responsabili editoriali del sito web www.eugenioruberto.it pubblichino la tua testimonianza.