Carissimi, siete entrati nel mio cuore, nelle mie preghiere, nella mia vita quotidiana.

Le mie  parole non   sono  in grado di reggere il peso feroce della Croce che vi portate nel cuore. Gli uomini, con le parole, non possono consolare un cuore macerato dal dolore. Solo Dio può farlo. E ve lo dico perché ci sono passata e sono riuscita a portare la mia Croce solo offrendo a Lui le mie pene.

Il dolore, unito alla Volontà di Dio, al suo stesso Amore, porta alla santità.

Non è dato a noi conoscere i meravigliosi disegni di Dio. Un giorno, quando saremo al Suo cospetto sono certa che diremo: <Gesù, hai fatto tutto bene, meglio di così non potevi fare”>.

Posso parlare così, con voi, perchè sono certa di essere capita.

La fede nasce dal bisogno, dal grido universale della carne che soffre, dalla nostra fame di vita, di senso, di amore, di salute, quando non ce la fai e tendi le mani. ?

Vi voglio bene, nella Divina Volontà.

A presto

Marina

image_pdfCrea PDFimage_printStampa
0 0 voti
Valuta l'articolo
PrecedenteProssimo post
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti pubblicati

11ali da giraffa
Ali da giraffa – 1 parte
19 Gennaio 2022
11vetrata con la Sacra Famiglia
Regno senza fine
19 Gennaio 2022
11primo piano Eugenio nella vasca da bagno
La tenerezza dell’amore di Dio
19 Gennaio 2022
11Papa Francesco udienza del 19 gennaio 2022
Catechesi su San Giuseppe: 8. San Giuseppe padre nella tenerezza
19 Gennaio 2022
11Eugenio e Nicola in palestra
Amici veri
19 Gennaio 2022

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x