Ore 5.50: dormo sempre accanto al mio pulcino.

Sento il rumore della porta della cameretta che si apre, mi sveglio di soprassalto, vedi il lettino di Eugenio vuoto, capisco che si è avviato forse da solo.
Corro in bagno, lo vedi solo, lo sgrido un pochino, con amore.
È solo.
Lo redarguisco con dolcezza, giusto per fargli capire che è bellissimo quelli che ha fatto, ma bisogna andare con calma.
Lui mi risponde: “papà, era per non svegliarti!
Amore di papà.
Lo aiuto a fare pipì come al solito, e finito torniamo in cameretta.

Eugenio nel lettino
Eugenio nel lettino

Il lettino è completamente asciutto.

Meno male, siamo tornati anche in questo, alla normalità.

image_pdfCrea PDFimage_printStampa
0 0 voti
Valuta l'articolo
PrecedenteProssimo post
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ultimi appunti pubblicati

11ali da giraffa
Ali da giraffa – 1 parte
19 Gennaio 2022
11vetrata con la Sacra Famiglia
Regno senza fine
19 Gennaio 2022
11primo piano Eugenio nella vasca da bagno
La tenerezza dell’amore di Dio
19 Gennaio 2022
11Papa Francesco udienza del 19 gennaio 2022
Catechesi su San Giuseppe: 8. San Giuseppe padre nella tenerezza
19 Gennaio 2022
11Eugenio e Nicola in palestra
Amici veri
19 Gennaio 2022

Pubblicità

Sponsor
0
Mi piacerebbe un tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x